F1, non solo Mercedes: dal 2021 avrà Safety Car Aston Martin

La Casa britannica dividerà con Mercedes il compito di provvedere alle Safety Car per la Formula 1 a partire dal 2021. Questo interromperà il monopolio della Stella a tre punte che dura da 26 anni.

F1, non solo Mercedes: dal 2021 avrà Safety Car Aston Martin

Nel 2021 Aston Martin tornerà in Formula 1 grazie alla nuova cordata che lo scorso anno ha acquistato la Force India, rinominandola prima Racing Point e poi proprio con il nome della Casa britannica a partire dalla prossima stagione, ma non solo.

Dopo 24 stagioni consecutive, Mercedes non sarà più l'unica fornitrice di Safety Car della Formula 1. Infatti, stando a quanto appreso da Motorsport.com, dal 2021 anche Aston Martin fornirà al Circus iridato vetture che fungeranno da vetture di sicurezza.

La decisione finale a tal riguardo non è ancora stata presa, ma nostre fonti hanno rivelato che Mercedes non sarà più fornitrice unica di vetture a partire dalla prossima stagione.

Mercedes continuerà a fornire la F1 le medical car e Safety Car, ma anche Aston Martin fornirà le vetture di sicurezza, alternandosi così con la Casa di Stoccarda. Questo accordo dovrebbe essere una conseguenza della recente partecipazione di Mercedes in Aston Martin, salita al 20%.

Questo coinvolgimento di Mercedes in Aston Martin permetterà alla Casa inglese di poter usufruire di numerose tecnologie derivanti da Stoccarda. Ad annunciare questa partnership economico-tecnica è stato Lawrence Stroll, a capo della cordata che nel 2019 ha acquistato Aston Martin.

L'obiettivo di Stroll è quello di aumentare il mercato automotive - dunque le vendite - di Aston Martin dopo anni difficili. Questo sarà solo uno dei primi passi che vedrà la Casa impegnata in F1 su più fronti.

condividi
commenti
Brawn: "In Turchia i veterani hanno dato una lezione ai giovani"
Articolo precedente

Brawn: "In Turchia i veterani hanno dato una lezione ai giovani"

Articolo successivo

Red Bull: l’ala anteriore di Max era di nuova concezione

Red Bull: l’ala anteriore di Max era di nuova concezione
Carica i commenti