Emergono nuovi dati sull'incidente di Jules Bianchi

Il francese è uscito a 213 Km/h e ha colpito il trattore a 126 Km/h, con un picco di 254 G

Emergono nuovi dati sull'incidente di Jules Bianchi
Ciao Jules
Romain Grosjean, il suo casco tributo a Jules Bianchi
Williams FW36 motore con messaggio di supporto per Jules Bianchi (FRA)
Un messaggio di supporto per Jules Bianchi

A sei giorni dal decesso di Jules Bianchi, avvenuto dopo nove mesi di coma a causa del tremendo incidente occorso nel Gran Premio del Giappone dello scorso anno, emergono nuovi dati dell'impatto della vettura dello sfortunato pilota francese contro la gru che stava spostando la monoposto di Adrian Sutil, ferma nella via di fuga a pochio metri dalla pista.

Le nuove indicazioni fornite dalla rivista tedesca Auto Motor und Sport l'impatto della vettura di Bianchi contro la parte inferiore del trattore a bordo pista avrebbe arrecato danni ancora più gravi al cervello del pilota francese. 

Bianchi perse il controllo alla Curva 7 a una velocità di 213 chilometri orari, per andare a colpire il trattore appena 2,61 secondi più tardi, a una velocità di 126 Km/h. La monoposto ha colpito la gru con un angolo di 55 gradi, con il muso che è finito sotto la gru intenta a recuperare la monoposto guasta di Sutil. La forza dell'impatto è stata di 58.8G ma il tutto è stato aggravato dal seguente impatto della parte centrale della monoposto numero 17 con il mezzo di recupero.

Stando ai dati recuperati dai sensori posti nelle cuffie per le orecchie di Bianchi, l'impatto avrebbe generato una forza pari a 92G, ma ulteriori indagini della Federazione Internazionale dell'Automobile hanno rivelato che l'incidente avrebbe invece toccato i 254G, ovvero una forza quasi tre volte superiore a quella calcolata ai primi rilevamenti effettuati dopo l'impatto che è poi costato la vita al venticinquenne. 

La decelerazione è così stata ancora più violenta e l'impatto del casco contro il trattore ha fatto il resto, peggiorando la situazione clinica di Bianchi. Andy Mellor, vice presente della commissione della sicurezza della FIA, ha affermato: "Il problema è che la Marussia è entrata sotto la gru con la parte anteriore, venendo premuta verso il basso dal peso del mezzo addetto allo spostamento delle monoposto ferme in pista e provocando una violenta decelerazione, divenendo così una sorta di freno. Dopo questa dinamica, la gru ha anche colpito il casco del pilota. Non avevamo mai visto una cosa del genere".

condividi
commenti
La Honda sfrutta subito il bonus del motore extra

Articolo precedente

La Honda sfrutta subito il bonus del motore extra

Articolo successivo

A Budapest ora serve un occhio ai consumi di benzina

A Budapest ora serve un occhio ai consumi di benzina
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Jules Bianchi
Autore Giacomo Rauli