Hembery: "Usura e degrado bassi con le 2 mescole"

Il responsabile della Pirelli si aspetta una gara tranquilla dal punto di vista delle gomme

Hembery:

Il pilota Mercedes, Lewis Hamilton, ha conquistato la sua quinta pole position della stagione, a Monza, con un tempo di 1'24"109, ottenuto con le gomme medie. Lo scorso anno il tempo per la pole fu di 1'23"755, poco meno di mezzo secondo più veloce, a dimostrazione del livello di sviluppo raggiunto quest’anno .

Nico Rosberg partirà dalla seconda posizione in griglia: questa è la sesta doppietta in qualifica per Mercedes in questa stagione.

Con un’usura e un degrado contenuti, e con le medium di oltre mezzo secondo più veloci delle hard, le strategie gomme sono state in evidenza sin dall’inizio della sessione: i piloti in Q1 hanno cercato di conservare quanti più set di gomme medie per la gara.

Come risultato, molti piloti hanno provato a completare la Q1 usando soltanto le gomme hard. Toro Rosso, Force India e Sauber hanno utilizzato le medium nella Q2, mentre gli altri hanno utilizzato solo la mescola dura.

Nell’ultima sessione tutti i piloti hanno utilizzato la mescola media: i regolamenti stabiliscono che gli pneumatici utilizzati dai primi 10 per ottenere il loro miglior tempo devono poi essere usati anche per la partenza della gara.

Quindi, i piloti hanno dovuto prestare particolare attenzione al secondo set di pneumatici usati in Q2, benchè stessero provando ad ottenere il loro miglior tempo per accedere alla sessione finale.

Con il basso degrado delle gomme medie era possibile fare più di un giro veloce. Tuttavia, Hamilton, vincitore del Gran Premio d’Italia 2012, dal quale partì dalla pole, ha segnato il suo miglior tempo al primo tentativo.

Hamilton è stato il più veloce anche nell’ultima sessione di prove libere di questa mattina, davanti a Fernando Alonso: entrambi hanno corso con i P Zero White medium.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli, ha commentato: "Non vediamo l’ora di assistere ad un’eccitante gara di velocità sul nostro circuito di casa, considerato “il tempio della velocità. Abbiamo visto le vetture superare i 350 km/h durante le qualifiche, il che significa che la struttura delle gomme è stata messa a dura prova. L’usura e il degrado saranno molto bassi su entrambe le mescole poichè l’asfalto è poco abrasivo, tanto che possiamo aspettarci un solo pit stop per domani. Dal punto di vista delle gomme prevediamo una gara tranquilla. Il momento nel quale effettuare il cambio gomme sarà decisivo ai fini della strategia. Immaginiamo che i piloti proveranno ad utilizzare le medie per quanti più giri possibile, ma la lunghezza dello stint sarà inversamente proporzionale alla temperatura della pista".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie