Alonso: "Vogliamo regalare un bel risultato ai tifosi"

Fernando aggiunge anche che non sarà facile, ma vede anche una Ferrari in crescita nelle ultime uscite

Alonso:

È una regola non scritta che un pilota della Scuderia Ferrari debba essere presente alla conferenza stampa FIA del giovedì a Monza. Questo pomeriggio il compito di rappresentare il team italiano è toccato a Fernando Alonso. Lo spagnolo ha un’ottima tradizione qui dal momento che ha concluso sul podio le ultime quattro gare disputate sulla pista italiana, riuscendo addirittura a vincere nel 2010.

Tuttavia, considerati i valori in campo dell’attuale stagione di Formula 1, Fernando è stato realistico nel parlare delle sue possibilità di fare cinque su cinque, conquistando un altro podio qui: "Questa è senza dubbio una delle gare più importanti dell’anno per noi perché corriamo davanti ai nostri tifosi" ha cominciato Alonso. "Vogliamo regalare loro un buon risultato domenica, ma sarà molto difficile ripetere le prestazioni degli ultimi quattro anni. Questo per noi sarà uno dei Gran Premi più difficili".

Tuttavia, a parte le difficoltà specifiche relative ad una pista veloce come quella di Monza, Alonso ha riconosciuto che ci sono anche degli aspetti positive da considerare per il team di Maranello: "In Ungheria abbiamo avuto dei segnali che la nostra competitività era aumentata e anche a Spa-Francorchamps, con Kimi, siamo quasi saliti sul podio".

La massima attrattiva della conferenza stampa odierna, comunque, è stata rappresentata dalla presenza in contemporanea di Lewis Hamilton e Nico Rosberg per la prima volta insieme dopo la controversa collisione di Spa di due settimane fa. Fernando era seduto in mezzo ai due compagni di squadra e dai giornalisti gli è stato affidato una sorta di ruolo di mediatore: "Non capisco perché mi fate tutte queste domande su di loro" ha detto il pilota della Scuderia Ferrari con un bel sorriso. "Tutto quello che posso fare è osservare la loro bella battaglia da fuori. Il problema che hanno è un buon problema: si stanno giocando il Mondiale!".

Ad Alonso è stato anche chiesto che cosa ricorda del suo correre nelle retrovie, quando ha cominciato a gareggiare in Formula 1 con la Minardi. Ammettendo che era difficile, per il fatto di non poter lottare nelle prime posizioni, Fernando ha riconosciuto che la vita è stata più dura quando era pilota di riserva per la Renault: "Guardare le gare dal garage. Quello si che era veramente difficile".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Fernando Alonso
Articolo di tipo Ultime notizie