F1 Messico, Qualifiche: Ricciardo in pole rovina la festa a Verstappen!

condividi
commenti
F1 Messico, Qualifiche: Ricciardo in pole rovina la festa a Verstappen!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
27 ott 2018, 19:25

Daniel conquista la 60esima pole della Red Bull nel GP del Messico e sigla il nuovo record della pista beffando il compagno di squadra Vesrtappen di 26 millesimi di secondo. Ottimo terzo Hamilton con la Mercedes con i cerchi con i fori chiusi, davanti a Vettel con la Ferrari.

E' una maledizione! L'anno scorso Max Verstappen aveva fallito la pole nel GP del Messico di 93 millesimi su Sebastian Vettel, mentre quest'anno l'olandese si è visto strappare la prima partenza al palo di appena 26 millesimi di secondo dal suo compagno di squadra, che fino a quel momento lo aveva puntualmente bastonato. Il predestinato perde forse l'occasione per battere il primato del pilota più giovane ad aver conquistato la pole che resta nelle mani di Sebastian Vettel.

E così la 60esima pole della Red Bull l'ha siglata Daniel Ricciardo con un tempo di 1'14"759 che è il nuovo record della pista messicana ottenuto nell'ultimo run della Q3. Max Verstappen partirà secondo e ha recriminato per i piccoli errori che ha commesso nei due tentativi risolutivi dopo aver dominato tutte le prove libere. Per Daniel è la terza pole stagionale e la settima in carriera.

Lewis Hamilton è terzo con la Mercedes con 1'14"894 a 135 millesimi da Ricciardo: l'inglese ha iniziato il turno cronometrato con i fori dei cerchi chiusi. Vedremo domani questa scelta conciliativa del team di Brackley se pagherà, ma al quattro volte campione del mondo basta un settimo posto per mettersi in testa la quinta corona, appaiando Juan Manuel Fangio.        

Leggi anche:

Sebastian Vettel questa volta ha fatto la sua parte senza commettere errori e ha portato la Ferrari al quarto posto a 176 millesimi dalla freccia d'argento. La Rossa ha confermato di essere competitiva e il tedesco è consapevole che sarà nella battaglia per la vittoria con i tre che lo precedono. Va detto che tutti e tre i top team hanno adottato una identica strategia nell'uso delle gomme: i sei piloti hanno superato la Q2 con le Ultrasoft per cui domani punteranno a una gara con una sosta, tralasciando la Hypersoft, per passare alle Supersoft dopo il cambio gomme. 

Valtteri Bottas è quinto con la Mercedes, ma il finlandese sembra destinato a rinnovare una sfida personale con Kimi Raikkonen sesto con l'altra SF71H: il loro distacco di quasi mezzo secondo dalla testa è troppo grande per pensare di vederli fra i protagonisti. Valtteri si è visto sostituire il motore alla conclusione delle FP3 per un problema idraulico: non ha pagato penalità perché ha montato l'unità 4 che aveva usato ad Austin.

Kimi, dopo il successo di Austins, sembra aver sparato tutte e sue cartucce ed è tornato nei ranghi.

Ottima la settima piazza di Carlos Sainz davanti a Nico Hulkenberg. La squadra di Enstone è in crescita e ambisce a difendere la quarta posizione nel mondiale Costruttori con una R.S.18 che è in crescita, mentre la Haas è finita in una giornata nera. La top ten è chiusa da Charles Leclerc nono con la Sauber che ha rifilato quattro decimi allo svedese Marcus Ericsson con la seconda C37, ma il nordico può essere soddisfatto del risultato ottenuto.

Non è entrato in Q3 Esteban Ocon che scatterà 11esesimo: il francese si è presentato in Q2 con le Supersoft e poi ha disputato il secondo run con le Ultrasoft, proprio come il compagno di squadra Sergio Perez che ha concluso 13esimo. I due conduttori della Force India avranno, quindi, la libertà di scegliere la gomma che vorranno al via della gara.

Molto positiva la prestazione di Fernando Alonso con la McLaren: lo spagnolo è 12esimo, dopo essersi visto togliere il tempo in Q1 a causa di un largo alla Curva 11 che è monitorata dai commissari. Va detto che l'asturiano è finito largo non per guadagnare velocità, ma per un traversone a causa di un sovrasterzo improvviso. Andrebbero valutati gli errori e le "furbate".

Leggi anche:

Brendon Hartley si è tolto il gusto di stare davanti al compagno di squadra con la Toro Rosso: il neozelandese ha finito 14esimo, ma non ha girato in Q2 Pierre Gasly con la Toro Rosso: il francese, 15esimo, ha preferito non fare chilometri dal momento che dovrà scontare 15 posizioni in griglia per aver smarcato un nuovo motore Honda con tanto di turbo e MGU-H che non viene utilizzato in questo evento, ma è stato messo da parte per le ultime due gare.

Non supera la tagliola della Q1 Romain Grosjean con la Haas: il francese è 16esimo e dovrà cedere tre posizioni di penalizzazione sulla griglia di domani a causa dell'incidente provocato nel primo giro di Austin con Charles Leclerc.

Non è andata meglio a Kevin Magnussen solo 18esimo con la seconda VF-18: il danese aveva saltato il turno di libere del mattino per un problema alla sua macchina. Una brutta giornata per un team che vuole lotare per il quarto posto nel mondiale Cstruttori con la Renault.

Fre le due monoposto americane si è infilato Stoffel Vandoorne, 17esimo con la McLaren che sembra in disarmo.

Chiude la tabella dei tempi la coppia della Williams con Lance Stroll che ha lasciato a un paio di decimi il russo Sergey Sirotkin. 

 
Cla # Pilota Chassis Motore Tempo Gap km/h
1 3 Australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 1'14.759   207.257
2 33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 1'14.785 0.026 207.185
3 44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 1'14.894 0.135 206.884
4 5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 1'14.970 0.211 206.674
5 77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 1'15.160 0.401 206.152
6 7 Finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 1'15.330 0.571 205.686
7 27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 1'15.827 1.068 204.338
8 55 Spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 1'16.084 1.325 203.648
9 16 Monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 1'16.189 1.430 203.367
10 9 Sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 1'16.513 1.754 202.506
11 31 France Esteban Ocon  Force India Mercedes 1'16.844 2.085 201.634
12 14 Spain Fernando Alonso  McLaren Renault 1'16.871 2.112 201.563
13 11 Mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 1'17.167 2.408 200.790
14 28 New Zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 1'17.184 2.425 200.746
15 8 France Romain Grosjean  Haas Ferrari 1'16.911 2.152 201.458
16 2 Belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 1'16.966 2.207 201.314
17 20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 1'17.599 2.840 199.672
18 18 Canada Lance Stroll  Williams Mercedes 1'17.689 2.930 199.441
19 35 Russian Federation Sergey Sirotkin  Williams Mercedes 1'17.886 3.127 198.936
20 10 France Pierre Gasly  Toro Rosso Honda
Articolo successivo
Williams: Sirotkin ed Ocon non sono gli unici candidati, ora spunta anche Gutiérrez

Articolo precedente

Williams: Sirotkin ed Ocon non sono gli unici candidati, ora spunta anche Gutiérrez

Articolo successivo

Ricciardo urla di gioia: "Non pensavo di essere in pole, sono esploso!"

Ricciardo urla di gioia: "Non pensavo di essere in pole, sono esploso!"
Carica i commenti