Mercedes W12: il supporto dello specchietto seghettato

La squadra campione del mondo ha pubblicato un video nel quale si vede Valtteri Bottas mentre prende le misure dell'abitacolo della W12 che sarà presentata martedì 2 marzo alle 11,30. Agli occhi più attenti non è sfuggita una curiosità: l'attacco alla scocca del supporto degli specchietti è stato trasformato in un vero e proprio deviatore di flusso seghettato. Quali novità ci riserverà la freccia nera di quest'anno?

Mercedes W12: il supporto dello specchietto seghettato

Una alla volta si stanno scoprendo le monoposto di Formula 1 della stagione 2021, ma è indubbio che al di là del mistero che accompagna la Red Bull RB16B per l’embargo delle immagini della macchina in movimento, la grande attenzione si focalizzerà la prossima settimana sulla Mercedes W12.

Cosa sarà riuscita a fare la squadra campione del mondo con la freccia nera sarà la domanda che accompagnerà la presentazione della vettura prevista per martedì alle ore 11,30 sul sito del team e sui social.

Ricordiamo che la W11 ha vinto i due titoli mondiali (piloti e Costruttori) anche se lo sviluppo della vettura era stato fermato a luglio. Secondo le indiscrezioni che ci giungono dalla Gran Bretagna, quindi, la struttura di Brackley sarà capace di stupire gli appassionati con qualcosa di nuovo, frutto del lavoro degli ultimi mesi.

L’intenzione, infatti, è quella di portare subito in pista una monoposto molto competitiva per ricreare uno strappo sulla concorrenza per poter destinare l’area di progettazione solo allo sviluppo della macchina 2022 a effetto suolo.

La Mercedes, a differenza di chi cerca di tenere celati dei segreti di Pulcinella, ha pubblicato un video di oltre quattro minuti nel quale si osserva Valtteri Bottas mentre si cala per la prima volta nell’abitacolo 2021, prendendo le misure del suo nuovo… posto di lavoro.

Le immagini hanno evidenziato una curiosità che testimonia la cura con cui i tecnici diretti da James Allison riescono a sviluppare i singoli dettagli aerodinamici della monoposto. Niente di straordinario, sia ben chiaro, ma non è sfuggito il fatto che l’attacco degli specchietti alla scocca sia stato sagomato ulteriormente per aumentare la superficie di quello che è diventato un vero e proprio deviatore di flusso dalla forma seghettata (evidenziata in giallo).

Non si tratta di un esercizio nuovo per la Mercedes che ha trattato spesso le superfici più disparate con forme seghettate. È il caso del parabrezza davanti all’abitacolo in plexiglass a denti di squalo, per non dire il bordo uscita del profilo principale dell’ala posteriore e dei flap in quella anteriore, per non dire della parte alta della paratia laterale dell’ala dietro o della parte terminale della carenatura in carbonio che copre il comando dell’Halo.

Gli uomini Mercedes ci hanno mostrato la prima, piccola, novità della W12, ma siamo certi che troveremo altri contenuti, molto più importanti alla ricerca delle prestazioni, che renderanno la freccia nera la macchina di riferimento anche quest’anno, visto che Lewis Hamilton vuole conquistare l’ottavo titolo mondiale piloti, scavalcando Michael Schumacher per diventare il più grande di tutti.

condividi
commenti
La F1 spera di avere il pubblico nella maggior parte dei GP

Articolo precedente

La F1 spera di avere il pubblico nella maggior parte dei GP

Articolo successivo

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Lewis Carl Davidson Hamilton , Valtteri Bottas
Team Mercedes
Autore Franco Nugnes