Mercedes W05: la sospensione a diapason funziona

Mercedes W05: la sospensione a diapason funziona

La soluzione di Aldo Costa dà buoni vantaggi aerodinamici anche se paga qualcosa in termini di rigidezza

Nella tabella riassuntiva dei tempi nei test di Jerez è la McLaren a svettare, ma nel paddock del tracciato andaluso i tecnici erano più preoccupati per l'impressionante solidità mostrata dalla Mercedes W05 che ha macinato chilometri come un panzer senza accusare seri problemi di affidabilità (solo un'anomalia al cambio giovedì prontamente risolta). La realizzazione disegnata da Aldo Costa presenta un paio di soluzioni molto interessanti: la scocca pur non essendo troppo rialzata, in stile Force India e Sauber, tanto per intenderci, riesce a portare un buon flusso di aria che serve ad alimentare il diffusore posteriore, ma ha colpito, soprattutto, per l'inedito braccio inferiore della sospensione che è a forma di diapason. Dall'immagine Effe 1 Tech si può notare come il tradizionale triangolo inferiore, solitamente aperto verso la parte posteriore, sulla W05 si è trasformato quasi in una mono-leva. Il capo progettista emiliano ha rinunciato a qualcosa nei valori di rigidità per sfruttare gli indiscutibili vantaggi di natura aerodinamica che questa soluzione consente. Sul lato porta-mozzo, infatti, il braccio unico offre una resistenza molto minore, permettendo una buona pulizia dei flussi d'aria. Le prime indicazione raccolte dai tecnici diretti da Bob Bell, con Paddy Lowe sempre molto attento ad analizzare i dati, sono molto positive: questa è una soluzione che in futuro potrebbe trovare altri estimatori, facendo scuola nel Circus. Per il momento il vantaggio se lo tiene la Mercedes. E a giudicare dalla soddisfazione di Lewis Hamilton e Nico Rosberg c'è da credere che la freccia d'argento possa diventare una seria concorrente per il mondiale...
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Lewis Hamilton , Nico Rosberg
Articolo di tipo Ultime notizie