Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
21 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
63 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
77 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
80 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
98 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
112 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
140 giorni
05 set
Gara in
147 giorni
12 set
Gara in
154 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
168 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
171 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
181 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
196 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
203 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
245 giorni

Attacco di sette team anti-Ferrari per un'azione comune

Sette squadre hanno emesso comunicati congiunti per protestare contro l'accordo FIA-Ferrari. Sono pronti ad agire tutti insieme spinti dalla Mercedes per fare chiarezza. Adesso è guerra...

Attacco di sette team anti-Ferrari per un'azione comune

Toto Wolff non è uno sprovveduto. Il direttore di Mercedes Motorsport ha voluto prendere tempo dopo l’annuncio della FIA sull’accordo raggiunto con la Ferrari alla conclusione dell’inchiesta sulla power unit del Cavallino.

Il manager austriaco non è tipo da reazioni di pancia e, sebbene, fosse molto contrariato per l’accaduto, non ha voluto mostrare il suo forte malcontento. Ma poi ha agito in modo razionale, inviando una mail ai team principal di Formula 1 che non sono legati alla Ferrari, vale a dire tutti tranne Alfa Romeo e Haas, proponendo di agire insieme per un’azione congiunta che vada contro il famigerato patto segreto che ha rotto gli equilibri del paddock.

E ora sono usciti i sette team con un comunicato contemporaneo e condiviso chiedendo chiarezza sull'accordo FIA-Ferrari minacciando di andare a un tribunale al di fuori dello sport.

La Santa Alleanza fra Mercedes e Ferrari è finita: il clima attuale è quello di guerra fredda, freddissima. Sono passati i tempi in cui Sergio Marchionne andava nell’hospitality della Stella per discutere con Toto Wolff insieme a Piero Ferrari.

E se mai dovesse emergere che la Scuderia possa aver eluso le regole tecniche nel 2019, la Casa tedesca potrebbe riconsiderare addirittura la sua presenza nei GP dal 2021 in avanti non aderendo al nuovo Patto della Concordia.

Mercedes, quindi, ha l’intenzione di far valere il suo potere di persuasione anche su Liberty Media, il promotore del campionato, per niente disposto a perdere la squadra campione del mondo per sei anni fila.

Se l’accordo FIA-Ferrari doveva mettere una pietra tombale sul passato, l’operazione non è andata a buon segno, perché ora sono partite contro mosse con le quali si vuole far emergere quanto di secretato c’è nello strano rapporto fra la Federazione e la squadra di Maranello. L’opacità dell’operazione ha scatenato la giusta voglia di saperne di più. E la posizione di Jean Todt diventa terribilmente traballante...

condividi
commenti
Mercedes: come la F1 può aiutare la riduzione di emissioni

Articolo precedente

Mercedes: come la F1 può aiutare la riduzione di emissioni

Articolo successivo

Guerra F1: ecco il comunicato dei 7 team contro FIA-Ferrari

Guerra F1: ecco il comunicato dei 7 team contro FIA-Ferrari
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento Test II di Febbraio a Barcellona
Team Mercedes
Autore Franco Nugnes