Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
21 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
63 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
77 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
80 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
98 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
112 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
140 giorni
05 set
Gara in
147 giorni
12 set
Gara in
154 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
168 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
171 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
181 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
196 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
203 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
245 giorni

Mercedes rompe il fronte anti-Ferrari: fine alla guerra!

Una telefonata fra Kallenius, presidente Daimler, e John Elkann, presidente Ferrari, mette una pietra tombale sulla guerra fredda fra Mercedes e Scuderia. La Stella abbandona i sette team minacciavano azioni legali contro la FIA per l'accordo segreto siglato con Maranello e vuole ripartire da un foglio bianco.

Mercedes rompe il fronte anti-Ferrari: fine alla guerra!

La mancata disputa del GP d’Australia sta producendo anche importanti cambiamenti politici all’interno del paddock di Formula 1.

La Mercedes avrebbe rotto il patto dei sette team anti-Ferrari che avevano scritto una dura lettera a FIA e FOM chiedendo trasparenza dopo il comunicato della Federazione Internazionale che annunciava l’accordo segreto con la Ferrari per chiudere l’inchiesta sulla contestata power uni del Cavallino.

Toto Wolff, da alcuni additato come il capo-popolo che aveva dato il via alla clamorosa campagna mediatica (i sette team erano usciti con un identico comunicato stampa contro la FIA nello stesso tempo), avrebbe dato un colpo di barra al timone per cambiare strategia.

Dopo una telefonata fra Ola Kallenius, presidente Daimler, e John Elkann, presidente Ferrari, la Stella avrebbe modificato il suo atteggiamento chiamandosi fuori dalla guerra che Toto ha messo in atto.

Si tratterebbe proprio di un’inversione di tendenza che è destinata fortemente a cambiare lo scenario, proprio mentre la Red Bull ha intensificato i suoi attacchi alla Mercedes con lettere di richiesta di chiarimento regolamentare che hanno fatto bocciare la presa contestata nel bracket posteriore della W11 e messo seriamente in dubbio il Dual Axis Steering.

La presa di posizione sarebbe derivata dalla volontà di non acuire il danno all’immagine della F1, in una fase difficile per il mondo dei GP alle prese con la cancellazione delle gare per il COVID-19.

In questo momento in cui Liberty vede crollare il valore del campionato è meglio evitare altre polemiche che potrebbero acuire una situazione che è già drammaticamente difficile con il primo GP riprogrammato in un calendario che ripartirà solo dal 7 giugno.

In questo momento chi vede ridimensionato il suo ruolo è Toto Wolff che è stato costretto ad un paio di retromarce importanti dal presidente Daimler, Ola Kallenius. Questi passi indietro (Wolff voleva correre in Australia, Kallenius ha imposto lo stop), però, dovrebbero garantire la permanenza della Stella in F1, mentre il manager svedese aveva lasciato intendere che avrebbe preferito uscire di scena da un ambiente così spaccato.

Inutile negare che la guerra tutt’altro che fredda avrebbe portato alla sfascio la nuova F1 che Liberty Media sta faticosamente cercando di costruire. Alla Mercedes non è piaciuto affatto che la Ferrari si sia presa il 38% della torta dei premi fissi, lasciando al team campione del mondo per sei volte di fila nell’era ibrida, una cifra enormemente inferiore e la questione power unit è stata un ottimo pretesto per coalizzare tutti contro il Cavallino.

Ora l’operazione si sta stemperando, anche perché ai sei team rimasti isolati non è piaciuto affatto che la Mercedes abbia emesso un comunicato stampa nel quale anticipava anche la FIA nell’ufficializzare il giusto annullamento del GP a Melbourne, mentre fino a pochi minuti prima faceva il diavolo a quattro per scendere in pista.

Toto Wolff, Team Principal, Mercedes AMG

Toto Wolff, Team Principal, Mercedes AMG
1/11

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari and Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 in conferenza stampa

Sebastian Vettel, Ferrari and Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 in conferenza stampa
2/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
3/11

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, e Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, e Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team
4/11

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

John Elkann

John Elkann
5/11

Foto di: Ferrari

Dettagli retotreno Mercedes F1 W11

Dettagli retotreno Mercedes F1 W11
6/11

Foto di: Giorgio Piola

Dettagli sospensione anteriore Mercedes F1 W11

Dettagli sospensione anteriore Mercedes F1 W11
7/11

Foto di: Giorgio Piola

Dettagli sospensione anteriore Mercedes F1 W11

Dettagli sospensione anteriore Mercedes F1 W11
8/11

Foto di: Giorgio Piola

Mercedes F1 W11

Mercedes F1 W11
9/11

Foto di: Giorgio Piola

Dettagli pance Mercedes F1 W11

Dettagli pance Mercedes F1 W11
10/11

Foto di: Giorgio Piola

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1
11/11

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

condividi
commenti
Retroscena Mercedes: Wolff voleva correre, Kallenius no!

Articolo precedente

Retroscena Mercedes: Wolff voleva correre, Kallenius no!

Articolo successivo

Amazon Prime Video presenta il documentario su Alonso

Amazon Prime Video presenta il documentario su Alonso
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Mercedes
Autore Franco Nugnes