Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
32 giorni
07 mag
-
10 mag
FP1 in
81 giorni
21 mag
-
24 mag
FP1 in
94 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
FP1 in
109 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
116 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
137 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
151 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
165 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
193 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
200 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
214 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
219 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
247 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
254 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
268 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
282 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Mercedes: ci sono i generatori di vortice nei cestelli

condividi
commenti
Mercedes: ci sono i generatori di vortice nei cestelli
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
25 ott 2019, 18:51

La squadra campione ha intenzione di chiudere la partita del sesto titolo iridato di Hamilton in Messico e per cercare di insidiare la favorita Ferrari haa portato in Sud America un cestello dei freni che introduce quattro coppie di generatori di vortice oltre ad aumentare la portata di aria di raffreddamento.

La Mercedes ha introdotto in Messico una piccola modifica ai cestelli anteriori delle W10 che in momenti diversi è stata usata da entrambi i piloti nella prima sessione di prove libere. L’intervento è di micro-aerodinamica, ma testimonia come piccoli dettagli nella Formula 1 moderna possano determinare delle differenze esasperando certi concetti.

Nell’immagine di Giorgio Piola è possibile apprezzare il cestello anteriore della ruota anteriore sinistra: l’esigenza è di evacuare l’aria calda dall’impianto frenante che è molto sollecitato a causa dell’aria meno densa ai 2.200 metri di quota, ma anche di contribuire a riscaldare le gomme.

Per riuscirci è stato cambiato il flusso d’aria, con l’aggiunta di una porzione di presa d’aria e di un vistoso sfogo, ma l’aspetto interessante è certamente la comparsa di quattro coppie di piccoli generatori di vortice, segno che anche in questo ambito si registra una escalation nella gestione dei flussi.

Articolo successivo
LIVE F1, GP del Messico: Libere 2

Articolo precedente

LIVE F1, GP del Messico: Libere 2

Articolo successivo

Renault: i vertici mettono in dubbio la permanenza in F1

Renault: i vertici mettono in dubbio la permanenza in F1
Carica i commenti