F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Mercedes: a Suzuka c'è anche il telaio nuovo!

condividi
commenti
Mercedes: a Suzuka c'è anche il telaio nuovo!
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
10 ott 2019, 07:54

La squadra di Brackley in Giappone ha introdotto l'ultimo pacchetto aerodinamico caratterizzato da nuovi deviatori di flusso ai lati delle pance. Piccola modifica anche all'ala anteriore, mentre nel posteriore si cerca downforce. La scocca per Hamilton è alleggerita.

La Mercedes non vuole chinare il capo di fronte alla superiorità tecnica mostrata dalla Ferrari dopo la sosta estiva. In Giappone la squadra di Brackley ha portato una serie di novità che evidenziano la chiara volontà di chiudere il discorso mondiale il più in fretta possibile, per orientare tutto il lavoro della squadra sulla monoposto 2020 e iniziare lo studio di quella 2021.

Qualcuno ha voluto minimizzare gli interventi che sono stati fatti sulla W10, ma è bene evidenziare che la Mercedes ha deciso di portare a Suzuka un telaio nuovo per Lewis Hamilton che era stato omologato in estate con l’intento di alleggerire la scocca e migliorare il raffreddamento della power unit.

Il commissario tecnico FIA, Jo Bauer, ha ispezionato la scocca nuova prima dell’assemblaggio della monoposto, dando il suo ok all’utilizzo nel weekend.

Mercedes F1 AMG W10, dettaglio dei nuovi deviatori di flusso con 5 elementi e senza struttura a ponte

Mercedes F1 AMG W10, dettaglio dei nuovi deviatori di flusso con 5 elementi e senza struttura a ponte

Photo by: Giorgio Piola

Il pacchetto aerodinamico che si è visto alle verifiche giapponesi è finalizzato a un migliore sfruttamento dei flussi intorno alle bocche dei radiatori. I deviatori di flusso laterali, infatti, sono stati modificati dal momento che si è passati da una “griglia” di tre elementi a quella di cinque.

Confronto tecnico della Mercedes F1 AMG W10 fra i deviatori vecchi e nuovi

Confronto tecnico della Mercedes F1 AMG W10 fra i deviatori vecchi e nuovi

Photo by: LAT Images

Non solo ma anche l’elemento verticale non è più a ponte, separando l’ala centrale dal candelabro che adesso risulta più sporgente dalla linea di cintura ed è sensibilmente più largo.

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio dell'ala anteriore con il deviatore all'esterno della paratia laterale

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio dell'ala anteriore con il deviatore all'esterno della paratia laterale

Photo by: Giorgio Piola

Un piccolo aggiornamento si è osservato anche all’esterno della paratia laterale dell’ala anteriore della freccia d’argento: non è passato inosservato il piccolo deviatore di flusso che ha il chiaro compito di orientare l’aria verso il basso poco oltre il bordo d’entrata in alto in modo da aumentare la spinta verticale senza peggiorare troppo l’efficienza aerodinamica.

Mercedes F1 AMG W10, dettaglio dell'ala posteriore di Suzuka

Mercedes F1 AMG W10, dettaglio dell'ala posteriore di Suzuka

Photo by: Giorgio Piola

Per quanto concerne l’ala posteriore i tecnici di Brackley sembrano orientati verso una soluzione piuttosto carica che dia ampie garanzie di aderenza nelle Esse e alla R130, mentre il flap mobile è di corda piuttosto corta con la forma a doppia freccia appena evidenziata.

Articolo successivo
Verstappen si diverte sulla Honda del 1965 di Richie Ginther

Articolo precedente

Verstappen si diverte sulla Honda del 1965 di Richie Ginther

Articolo successivo

Ferrari: Vettel richiamato per l'ordine non rispettato

Ferrari: Vettel richiamato per l'ordine non rispettato
Carica i commenti