Mekies: "Cinque GP con sette piloti Ferrari a Fiorano"

Il direttore sportivo della Scuderia ha tracciato un bilancio positivo dalle "Cinque giornate di Fiorano": sulla SF71H del 2018 sono stati percorsi 1.500 km senza grossi problemi, alternando i piloti titolari, Leclerc e Sainz ai giovani della FDA. La squadra ha potuto collaudare tutte le procedure in vista di una stagione che, almeno nella sua parte iniziale, sarà analoga a quella dello scorso anno, con bolle e mascherine per impedire i contagi da COVID-19.

Mekies: "Cinque GP con sette piloti Ferrari a Fiorano"

La Ferrari ha dato una dimostrazione concreta di quello che può essere il suo potenziale: la pista di Fiorano è tornata a vivere per cinque giorni di fila con una SF71H che è stata guidata da sette piloti.

La Scuderia ha messo in fila i piloti di oggi (Charles Leclerc e Carlos Sainz) con quelli di domani che già animano la FDA mentre nel box a fiutare l’aria c’erano anche quelli che sono appena entrati nell’Academy, rendendo percepibile quel sottile filo Rosso che caratterizza la cantera di Maranello.

È indubbio che il Cavallino è un “incubatoio” capace ogni anno di sfornare nuovi talenti, attingendo anche al genere femminile come Maya Weug, prima ragazza ad entrare a far parte della Ferrari Driver Academy.

Il bilancio delle “Cinque giornate di Fiorano” è molto positivo per Laurent Mekies, direttore sportivo della Scuderia.

“Sette piloti in pista in cinque giorni per un totale di più di 1.500 chilometri percorsi: una settimana davvero intensa per la squadra a Fiorano”.

“Questo test era importante per dare la possibilità innanzitutto ai piloti ufficiali della Scuderia, Charles e Carlos, di riprendere confidenza con la pista dopo la pausa invernale, mentre per i ragazzi della Ferrari Driver Academy è stata un’ulteriore opportunità per fare esperienza su una Formula 1”.

“Per qualcuno di loro – penso a Carlos e a Marcus – il test ha rappresentato una “prima”: il debutto con la sua nuova squadra per lo spagnolo, quello assoluto su una monoposto della massima categoria per il neozelandese”.

“Per Giuliano è stato un regalo per la fine del suo percorso nella FDA. Credo che la cosa più bella della settimana sia stata l’atmosfera che si respirava nel box della nostra pista di casa: tutti i ragazzi avevano davvero una gran voglia di tornare in pista e di prepararsi al meglio per la stagione che sta per cominciare”.

condividi
commenti
Fotogallery: Mick Schumacher a Fiorano con una Ferrari SF71H
Articolo precedente

Fotogallery: Mick Schumacher a Fiorano con una Ferrari SF71H

Articolo successivo

MotoGP: 11 gare sarebbero concomitanti con la F1

MotoGP: 11 gare sarebbero concomitanti con la F1
Carica i commenti