F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

McLaren: a Istanbul un puzzle di soluzioni già viste

condividi
commenti
McLaren: a Istanbul un puzzle di soluzioni già viste
Di:
Co-autore: Giorgio Piola

La squadra di Woking ha avuto una flessione di rendimento con l'ultimo pacchetto aerodinamico ed essendo in lizza per il terzo posto nel mondiale Costruttori sta cercando il bilanciamento della MCL35 con alcune soluzioni che sono state già viste nel corso dell'anno in Ungheria e al Nurburgring. Ecco cosa è stato fatto per sfruttare meglio il muso stretto.

La McLaren è in piena lotta per il terzo posto nel mondiale Costruttori: attualmente è quarta a pari merito con la Racing Point, staccata di un punto dalla Renault che controlla l’ultimo gradino del podio.

A Woking vogliono imporre un rush finale per non farsi sfuggire un risultato che gli uomini di Andreas Sidler hanno costruito nel corso dell’anno. Nelle ultime gare il rendimento della MCL35 sembra leggermente più appannato rispetto al comportamento di Renault e Racing Point: si dice che l’ultimo pacchetto aerodinamico non avrebbe dato i risultati attesi.

Con l’adozione del muso più stretto gli adeguamenti della macchina a questa soluzione non hanno permesso di trovare un buon bilanciamento aerodinamico. Ecco perché nelle prove libere del GP della Turchia i tecnici della McLaren diretti da James Key hanno cercato di correre ai ripari.

Prima Carlos Sainz e poi Lando Norris hanno provato all’Istanbul Park un puzzle di soluzioni già viste: se l’ala posteriore e la complessa T-wing erano quelle viste al Nurburgring in occasione del GP dell’Eifel, il soffiaggio apparso sul fondo davanti alle ruote posteriori è quello dell’Ungheria.

Dettaglio del fondo McLaren MCL35 modificato davanti alle ruote posteriori

Dettaglio del fondo McLaren MCL35 modificato davanti alle ruote posteriori

Photo by: Giorgio Piola

L’intenzione è di aumentare il carico aerodinamico del retrotreno. Le condizioni della pista particolarmente scivolosa per l’asfalto nuovo non hanno certo consentito di fare delle valutazioni sulla diversa configurazione aerodinamica. È probabile che rivedremo queste soluzioni anche nelle libere di domani mattina, quando è auspicabile che il grip del fondo migliori e le indicazioni che possono arrivare dalla pista dovrebbero essere più veritiere.

Red Bull: c'è un doppio soffiaggio nel cape della RB16!

Articolo precedente

Red Bull: c'è un doppio soffiaggio nel cape della RB16!

Articolo successivo

Fotogallery F1: i primi 2 turni di libere del GP di Turchia

Fotogallery F1: i primi 2 turni di libere del GP di Turchia
Carica i commenti