F1 | Mazepin: "Pronto al 100% per lottare nel gruppo di mezzo"

Il russo ha vissuto una stagione difficile, complice una Haas ferma nello sviluppo, ma si è detto certo di poter lottare con costanza nell'affollato gruppo di metà classifica. Auto permettendo.

F1 | Mazepin: "Pronto al 100% per lottare nel gruppo di mezzo"

Per Nikita Mazepin la stagione 2021 non è stata certamente delle più semplici. Il rookie russo, insieme al suo compagno di team Mick Schumacher, si è trovato a lottare con una Haas priva di sviluppi dal 2020 ed ha perennemente occupato le posizioni di fondo classifica.

Come ogni rookie, anche Mazepin ha commesso alcuni errori ma Nikita si è detto certo di aver imparato molto da questa stagione di esordio e di poter sfruttare questa esperienza per il 2022, sempre se la Haas svilupperà una monoposto di buon livello.

Alla domanda se si sente pronto per lottare nell’affollato gruppo di metà classifica, Mazepin ha risposto: “Certo che lo sono. Mi sento pronto al 100%”.

Dello stesso autore, leggi anche:

Il russo ha poi affermato come in alcune occasioni nel 2021 abbia mostrato ciò di cui è capace.

“Ho avuto alcune belle lotte quest’anno contro monoposto più competitive e mi sono sentito a mio agio. Per me conta sapere dove poter posizionare la mia vettura rispetto a quella contro cui sto duellando e sento di aver ottenuto questo livello di confidenza”.

“Ricordo che la prima gara in Bahrain è stata spaventosa perché le auto sono molto lunghe e larghe, ma adesso non ho più questo problema e guidare una vettura più equilibrata e prevedibile dovrebbe rendere tutto più facile e divertente”.

Nikita Mazepin, Haas VF-21

Nikita Mazepin, Haas VF-21

Photo by: Glenn Dunbar / Motorsport Images

“Ovviamente il 2021 è stato un anno difficile. Anche se ci sono stati alcuni weekend positivi quando ho concluso davanti al mio compagno di squadra, non è soddisfacente tornare a casa con un diciannovesimo posto in tasca”.

Mazepin ha poi ammesso come non esista alcun segreto speciale per compiere un passo avanti notevole in F1, ma tutto dipende da un miglioramento costante.

Quando gli è stato chiesto quale sia stata la lezione più importante appresa nel 2021, Nikita ha risposto: “Compiere un passo per volta”.

“Penso che nel complesso la mia stagione sia stata positiva ed ho compiuto enormi passi avanti sia a livello di fiducia che di comprensione rispetto all’inizio”.

“Ho disputato alcune gare buone ad inizio anno ed altre più complicate. Purtroppo in Formula 1 è difficile essere costanti, ma sapevo cosa mi aspettava. Il 2022 sarà l’anno in cui dovrò mettere tutto insieme e credo di essere in grado di riuscirci”.

condividi
commenti
F1 | Mercato piloti: solo 7 su 20 sicuri, sarà rivoluzione 2023?
Articolo precedente

F1 | Mercato piloti: solo 7 su 20 sicuri, sarà rivoluzione 2023?

Articolo successivo

Podcast F1 | Il gennaio di Michael Schumacher

Podcast F1 | Il gennaio di Michael Schumacher
Carica i commenti