F1 | Leclerc: "Dovevo riscattarmi e l'ho fatto!"

Charles Leclerc è stato autore di un grande inizio di gara, in cui ha attaccato Sainz e ha meritato il quinto posto finale. Oggi è apparso molto più incisivo rispetto a ieri: ecco perché.

F1 | Leclerc: "Dovevo riscattarmi e l'ho fatto!"

Charles Leclerc sapeva di avere qualcosa da farsi perdonare. O meglio, qualcosa da migliorare dopo le giornate di venerdì e sabato in cui, insolitamente, è apparso meno brillante e incisivo del solito. Oggi, nella giornata in cui si è disputato il Gran Premio di San Paolo del Brasile, è tornato l'animale da gara che tutti hanno imparato a conoscere sin da quando correva nelle formule minori.

Un inizio gara tutto d'attacco, in cui non ha disdegnato affatto di mettere sotto pressione e di fulminare con un bel sorpasso, aggressivo e corretto, il compagno di squadra Carlos Sainz. Poi, però, è stata una gara di gestione. Troppo veloci Mercedes e Red Bull per pensare di andare oltre la quinta posizione, ma anche troppo veloce la SF21 per essere attaccabile da altri.

Leggi anche:

Ecco dunque venir fuori una gara che ha regalato alla Ferrari tanti punti e molto pesanti nella lotta per il terzo posto nel Mondiale Costruttori. 18 punti contro il solo di Norris ampliano il divario tra le due Case e lo rendono molto importante quando ormai manca poco alla fine del Mondiale 2021.

"Oggi dovevamo attaccare. Dopo la gara difficile di ieri sapevo che dovevo migliorare la guida oggi e l'ho fatto. E' stata una bellissima gara, un buon primo giro. E dopo solo provare a tenere le gomme sino alla fine. Io e Carlos eravamo più veloci dei nostri avversari, dunque abbiamo gestito e lo abbiamo fatto bene. Ho guidato bene".

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Valtteri Bottas, Mercedes W12, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Charles Leclerc, Ferrari SF21, Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Valtteri Bottas, Mercedes W12, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Charles Leclerc, Ferrari SF21, Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

Leclerc ha spiegato anche cosa sia successo nei primi due giorni del weekend di Interlagos. Due giorni "no". Che capitano a tutti. L'importante è sapersi riscattare e, se possibile, farlo nella giornata che più conta. Proprio come ha fatto il monegasco.

"Onestamente quello che mi è successo ieri non è la prima volta. Non è una cosa mai vista. Mi succede spesso. A volte succede di più, a volte di meno. Ieri era un giorno no e ieri sera ho lavorato tanto e ho migliorato la guida. Oggi si è visto. Per questo ero molto contento. Quando conta sono stato presente e ora ci concentriamo sulle ultime gare. Dovrò guidare bene da venerdì a domenica".

"Oggi abbiamo fatto il massimo. Siamo stati competitivi estraendo il massimo dalla macchina. Saremo molto competitivi quando ci giocheremo il mondiale, però stiamo spingendo, stiamo lavorando bene e stiamo allungando sulla McLaren nel Mondiale Costruttori. E' buono, ma dobbiamo continuare", ha concluso Leclerc.

condividi
commenti
Hamilton: "Il weekend più difficile della mia carriera"
Articolo precedente

Hamilton: "Il weekend più difficile della mia carriera"

Articolo successivo

Podcast F1 | Chinchero: "Hamilton ha cucinato Max a fuoco lento"

Podcast F1 | Chinchero: "Hamilton ha cucinato Max a fuoco lento"
Carica i commenti