La Red Bull accetta il verdetto dell'appello

La Red Bull accetta il verdetto dell'appello

"Siamo dispiaciuti per Daniel, ma ora dobbiamo guardare avanti" spiega la nota del team

In seguito alla sentenza della Corte d'Appello Internazionale della FIA, che questa mattina ha confermato la squalifica di Daniel Ricciardo dal Gp d'Australia, così come la relativo mancato rispetto da parte della Red Bull del limite di consumo di 100 kg/h a Melbourne, la squadra di Milton Keynes ha diffuso un breve comunicato stampa per annunciare di aver accettato il verdetto. "La Infiniti Red Bull Racing accetta la sentenza della Corte d'Appello Internazionale emessa oggi. Ovviamente siamo delusi dal risultato, anche perchè non avremmo presentato appello se non fossimo stati certi delle nostre ragioni. Eravamo convinti di aver aderito al regolamento tecnico durante tutto il Gran Premio d'Australia 2014" spiega la nota della squadra di Milton Keynes. Che poi prosegue così: "Siamo spiacenti per Daniel, che quindi ha perso 18 punti che crediamo si fosse meritato. Tuttavia, continueremo a lavorare duramente per fare in modo che la squadra, Daniel e Sebastian Vettel possano accumulare più punti possibile da qui alla fine della stagione. Ora dobbiamo guardare avanti e cominciare a concentrarci sul Gp della Cina".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Daniel Ricciardo
Articolo di tipo Ultime notizie