F1: la Mercedes W12 E Performance sarà presentata il 2 marzo

Nuovo nome per la monoposto che dovrà garantire la prosecuzione di vittorie di titoli alla Casa di Stoccarda. I veli cadranno tra un mese esatto e la presentazione sarà svolta online a causa della pandemia da COVID-19.

F1: la Mercedes W12 E Performance sarà presentata il 2 marzo

La regina farà il suo ingresso a inizio marzo. Il team Mercedes 7 volte campione del mondo Costruttori in carica ha annunciato il giorno in cui svelerà le forme della sua nuova arma per il Mondiale 2021 di Formula 1.

I veli dalla Mercedes-AMG F1 W12 E Performance - così si chiamerà la vettura - cadranno il 2 marzo, dunque esattamente tra un mese esatto.

 

Il team di Brackley ha fatto sapere che il lancio della monoposto sarà effettuato via web, anche per le difficili condizioni sanitarie dovute al COVID-19.

La vettura è ancora nascosta in gran segreto negli stabilimenti britannici, ma la prima novità è visibile e risiede nel nome. E Performance appare per la prima volta accanto al nome di una monoposto di F1 della Stella a tre punte.

Si tratta del nome che accompagnerà tutti i modelli ibridi stradali che la Casa di Stoccarda andrà a lanciare nel mercato, sottolineando quanto stia spingendo nella promozione della tecnologia ibrida.

La W12 avrà la stessa base della monoposto campione del mondo con Hamilton nel 2020 - la nera W11 - ma sarà dotata di aggiornamenti aerodinamici e di un nuovo motore. Lo stesso James Allison, direttore tecnico del team, ha annunciato pochi giorni fa che la nuova monoposto sarà molto differente dalla progenitrice.

“Se pensate che sul fronte tecnico la stagione del 2021 sarà simile al 2020, siete fuori strada, non fatevi ingannare”. Il direttore tecnico della Mercedes, James Allison, ha descritto il lavoro che hanno dovuto affrontare le squadre di Formula 1 in vista della stagione che scatterà (con le prime prove stagionali) tra sei settimane in Bahrain.

“Le regole 2021 sono molto, molto diverse rispetto alla stagione precedente – ha chiarito Allison - ed il lavoro che abbiamo dovuto affrontare è stato di vasta portata”.

“Ci siamo trovati in questa situazione insolita – ha spiegato Allison – senza le tensioni legate all'enorme sforzo produttivo che c’è quando si realizza un nuovo telaio con tutte le parti meccaniche di una nuova vettura, perché molte di queste componenti arrivano dalla W11, la nostra vettura del 2020, e sono state semplicemente trasportate sulla W12".

condividi
commenti
F1: terzo pilota, aspetto da non sottovalutare in era COVID
Articolo precedente

F1: terzo pilota, aspetto da non sottovalutare in era COVID

Articolo successivo

Chinchero racconta Hulkenberg - Stelle di altri mondi

Chinchero racconta Hulkenberg - Stelle di altri mondi
Carica i commenti