F1, la FIA lancia una hotline per segnalare le irregolarità

La FIA ha istituito una linea per denunciare in maniera anonima team o costruttori che infrangono le regole.

F1, la FIA lancia una hotline per segnalare le irregolarità

Nel tentativo di migliorare l'integrità del motorsport e del mondo automobilistico, l'organo di governo ha creato una Hotline Etica e di Conformità per portare alla luce le violazioni delle regole.

Utilizzando questa hotline, gli informatori possono segnalare in forma anonima comportamenti sospetti o scorretti.

Le aree coperte dalla hotline comprendono le presunte violazioni dei principi etici della FIA, tra cui la cattiva condotta finanziaria, la corruzione e la frode. Ma anche le questioni relative all'integrità sportiva e alla manipolazione delle competizioni, o le presunte violazioni delle norme antidoping della FIA.

La FIA ha spiegato che la hotline di segnalazione online è disponibile 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana: "chiunque può usarla per sollevare preoccupazioni legittime, affidabili e documentate di cattiva condotta".

Leggi anche:

Eventuali segnalazioni di violazioni saranno valutate e la "piena riservatezza" per gli informatori sarà garantita durante l'intero processo.

La FIA è chiara sul fatto che la hotline deve essere utilizzata solo per preoccupazioni "legittime e documentate" relative alle specifiche categorie di principi etici, dell'integrità sportiva e del doping.

"Tutte le preoccupazioni di cattiva condotta devono essere segnalate in buona fede. La persona che effettua la segnalazione deve avere ragionevoli motivi per credere che le informazioni riportate siano vere, accurate e supportate da prove".

Se la hotline dovesse essere utilizzata in malafede, la FIA avverte che potrebbero essere intraprese azioni penali e civili contro il segnalante.

"L'utilizzo della piattaforma fatto intenzionalmente, incautamente o per negligenza, al fine di fare una dichiarazione falsa o fuorviante, comporterà una segnalazione e possibili misure disciplinari (comprese le richieste di risarcimento civile o accuse penali)".

La hotline della FIA è disponibile all'indirizzo https://fia-ethicsline.com/index.php

L'indagine dell'anno scorso sulla legalità del propulsore della Ferrari ha fatto un passo avanti quando un informatore ha rivelato dettagli sul funzionamento del motore, anche se l'analisi della FIA era già iniziata.

Il presidente della FIA Jean Todt lo ha confermato a Motorsport.com all'inizio di quest'anno: "Detto questo, non avevamo bisogno solo che un informatore ci dicesse qualcosa per avviare l'indagine. Ma dobbiamo assicurarci che ogni singolo team gestisca le proprie cose in modo legale".

Alla fine, la Ferrari e la FIA hanno raggiunto un accordo segreto sulla questione perché non si poteva dimostrare che la squadra italiana avesse infranto il regolamento.

condividi
commenti
Brown: "Mi piacerebbe far correre Ricciardo e Norris a Bathurst"
Articolo precedente

Brown: "Mi piacerebbe far correre Ricciardo e Norris a Bathurst"

Articolo successivo

F1, il McLaren Group licenzierà 1200 dipendenti!

F1, il McLaren Group licenzierà 1200 dipendenti!
Carica i commenti