La FIA fissa l'udienza Red Bull prima del Gp di Cina

La FIA fissa l'udienza Red Bull prima del Gp di Cina

In mezzo ci sono Malesia e Bahrein: nel frattempo i "bibitari" continueranno la crociata contro i flussometri FIA?

La FIA ha fissato la data per l'udienza in cui si discuterà dell'appello presentato ufficialmente ieri dalla Red Bull contro la squalifica di Daniel Ricciardo dalla classifica del Gp d'Australia: la Federazione ha annunciato poco fa che se ne discuterà il 14 aprile, quindi nei giorni che precederanno il quarto appuntamento stagionale, il Gp di Cina. L'esclusione di Ricciardo era arrivata perchè, in base ai dati raccolti dalla FIA, la sua RB10 aveva consumato di più rispetto ai 100 kg/h di carburante concessi dal regolamento. Eventualità contestata dalla squadra di Milton Keynes, che sostiene di essere stata all'interno dei parametri e che sono i flussometri della Federazione a leggere dei valori errati. La scelta di date della FIA ora quindi mette Christian Horner e soci di fronte ad una scelta difficile: dovranno decidere se continuare a fidarsi dei loro flussometri anche in Malesia ed in Bahrein, sperando che poi l'appello gli dia ragione, o allinearsi alle richieste della Federazione, che già in Australia aveva intimato al team di rallentare la sua RB10 per rientrare nei parametri richiesti.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Daniel Ricciardo
Articolo di tipo Ultime notizie