Caterham: smentite le voci sugli ufficiali giudiziari

Caterham: smentite le voci sugli ufficiali giudiziari

Secondo il team il problema è legato ad un fornitore, ma ci sarebbero diversi beni pronti a finire all'asta

Nel tardo pomeriggio di oggi aveva preso piede sui social network una voce secondo cui oggi sarebbero arrivati gli ufficiali giudiziari nella sede di Leafield della Caterham, ordinando lo spegnimento di tutti i server e lo sgombero da parte dei dipendenti.

In serata è arrivata la replica della squadra diretta da Manfredi Ravetto, che ha negato che ci sia stato alcun tipo di azione contro la 1MRT, ovvero la società proprietaria della Caterham F1.

In realtà ieri ci sarebbe stata la minaccia di un'azione nei confronti di una compagnia fornitrice della 1MRT. Questa azienda però non è di proprietà della 1MRT, quindi i suoi eventuali problemi non possono avere ricadute sulla Caterham F1.

Dunque, il comunicato conferma che tutto procede regolarmente sia a Leafield, che a Suzuka, dove la squadra ha già iniziato la preparazione in vista del Gp del Giappone.

Tuttavia, è anche vero che una lista di oggetti legati proprio alla Caterham è apparsa oggi sul sito www.theshiriffsoffice.com (quello appunto degli ufficiali giudiziari), che dichiara che questi dovrebbero andare all'asta a breve. In questo elenco però si citano anche componenti che dovevano arrivare in Giappone, anche se pare che a Suzuka sia tutto ok nel box. Non resta quindi che attendere i prossimi giorni per avere un po' più di chiarezza.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie