Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
64 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
96 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
103 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
113 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
120 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
134 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
148 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
176 giorni
02 set
Prossimo evento tra
183 giorni
09 set
Prossimo evento tra
190 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
204 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
218 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
239 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
275 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
284 giorni

Kvyat: crash a Maggotts per un cerchio surriscaldato

La Pirelli ha concluso la sua indagine ed è emerso che il pauroso crash di Daniil di domenica scorsa è stato causato da un surriscaldamento del cerchio che ha bruciato la spalla della gomma facendo uscire di pista l'AlphaTauri ad alta velocità a Maggotts. Il russo conta di rifarsi in questo weekend dove festeggerà il suo 100esimo GP.

Kvyat: crash a Maggotts per un cerchio surriscaldato

Daniil Kvyat in occasione del GP del 70° Anniversario festeggerà il suo 100esimo Gran Premio in Formula 1. Il 26enne russo arriva a questo traguardo con l’AlphaTauri: Daniil aveva debuttato nel GP d’Australia del 2014 con la Toro Rosso e poi ha vissuto momenti alterni con la squadra di Faenza e la Red Bull Racing.

Kvyat torna a Silverstone per cancellare il ricordo del brutto incidente che lo ha visto protagonista nel corso del 12esimo giro del GP di Gran Bretagna di domenica scorsa. I tecnici della Pirelli hanno scoperto dopo una approfondita indagine che a provocare il cedimento della gomma è stato un cerchio che si è surriscaldato.

Pirelli ha rivelato che il fallimento delle gomme di Daniil Kvyat che ha scatenato il suo enorme incidente del Gran Premio di Gran Bretagna lo scorso fine settimana è stato provocato da un cerchione surriscaldato.

Il russo è finito in testacoda quando la gomma posteriore destra ha ceduto di schianto alla curva Maggotts che si affronta ad alta velocità. Il pilota dell’AlphaTauri nulla ha potuto per evitare che la sua monoposto si schiantasse contro le protezioni, causando l’uscita della prima safety car.

Daniil non ha creduto a un cedimento della gomma come possibile causa del crash: i filmati della camera car hanno testimoniato che il pneumatico si era danneggiato prima di uscire di pista.

"Un problema meccanico ha portato al surriscaldamento della parte interna del cerchione, bruciando il tallone del pneumatico- ha ufficializzato la Pirelli in un breve comunicato diffuso sui social – per cui la spalla non è stata più in grado di sigillare il pneumatico sul cerchio. Ciò ha causato la perdita d’aria".

Kvyat inizialmente si era incolpato dell’incidente, ma poi ha capito di non aver avuto alcuna responsabilità…
"Ripensandoci, non c'era nulla che potessi fare per evitare l'incidente, avevo un problema con il cambio e in quel momento stavo guardando il display del volante perché stavo facendo delle regolazioni”.

Lo schianto di Daniil contro le barriere ha spinto la FIA a installare una nuova fila di pneumatici a proteggere le barriere dopo Maggotts per 36 metri, onde coprire meglio una zona dove di solito non sbatte mai nessuno.

Daniil Kvyat, AlphaTauri

Daniil Kvyat, AlphaTauri
1/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
2/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
3/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
4/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
5/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Volano scintille dalla monoposto di Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01

Volano scintille dalla monoposto di Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
6/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, cambia l'ala frontale nei box

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, cambia l'ala frontale nei box
7/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
9/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, sul ponte del controllo peso

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, sul ponte del controllo peso
10/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri

Daniil Kvyat, AlphaTauri
11/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

condividi
commenti
Mercedes: l’ala posteriore è piatta tanto è scarica

Articolo precedente

Mercedes: l’ala posteriore è piatta tanto è scarica

Articolo successivo

Red Bull: Newey non si arrende allo strapotere Mercedes

Red Bull: Newey non si arrende allo strapotere Mercedes
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP 70° Anniversario
Location Silverstone
Piloti Daniil Kvyat
Team Toro Rosso
Autore Franco Nugnes