F1: Jeddah vuole ospitare la terza Sprint Qualifying del 2021

Il promoter del GP dell'Arabia Saudita si è detto soddisfatto della Sprint Qualifying andata in scena a Silverstone e spera che la Formula 1 possa proporre il format in occasione del GP che si disputerà a gennaio a Jeddah.

F1: Jeddah vuole ospitare la terza Sprint Qualifying del 2021

Il primo Gran Premio dell’Arabia Saudita si svolgerà il 5 dicembre, una settimana prima del round di Abu Dhabiu, e sarà il penultimo appuntamento previsto nel calendario di Formula 1.

Il posizionamento in calendario, però, non è piaciuto al promotore e presidente della Federazione automobilistica e motociclistica saudita, il principe Khalid Bin Sultan Al Faisal. Quest’ultimo, infatti, preferirebbe che si disputasse ad inizio stagione.

“Come promotore preferirei non trovarmi nella parte finale del calendario. Le squadre possono fare davvero bene nella fasi iniziale e c’è il rischio che le gare successive possano non essere così interessanti”.

“Volevamo avere una gara ad inizio stagione, ma il tempo richiesto per progettare e costruire la pista ci ha impedito di avanzare questa richiesta”.

“Dovevamo scegliere se avere una gara alla fine del 2021 oppure attendere fino al 2022 per far disputare il GP di Jeddah ad inizio anno. Adesso stiamo discutendo con la F1 per essere in calendario ad inizio anno e spero che si possa trovare un accordo”.

L’impatto della pandemia da COVID-19 potrebbe pesare ancora sulla definizione del calendario del prossimo anno e c’è una alta probabilità che il GP di Australia sia piazzato a fine stagione così da dare più tempo al Paese di affrontare le restrizioni di viaggio internazionali.

Se questa indiscrezione dovesse trovare conferma toccherà nuovamente al Bahrain essere il primo GP della stagione, come già avvenuto quest’anno, ed allora avrebbe senso piazzare subito dopo il GP dell’Arabia Saudita così da dare il via al primo back to back dell’anno.

Oltre al posizionamento in calendario, il principe Khalid Bin Sultan Al Faisal ha manifestato molto interesse per la Sprint Qualifying e spera che la terza corsa breve del sabato si possa disputare proprio sul tracciato di Jeddah.

“Mi trovavo a Silverstone lo scorso fine settimana e l’ho apprezzata molto sia come spettatore che come promotore. È stato bello avere più gare da vedere ed una maggiore azione al sabato. Ci piacerebbe essere uno dei Paesi che potrà ospitare la Sprint Qualifying”.

“La decisione spetta adesso alla Formula 1, ma mi piacerebbe che si disputasse in Arabia Saudita”.

condividi
commenti
Ferrari: perché Leclerc e Sainz non si sentono favoriti in Ungheria?
Articolo precedente

Ferrari: perché Leclerc e Sainz non si sentono favoriti in Ungheria?

Articolo successivo

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari
Carica i commenti