Formula 1
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso

F1 Interlagos, Libere 1: Albon fa il tempo e poi sbatte

condividi
commenti
F1 Interlagos, Libere 1: Albon fa il tempo e poi sbatte
Di:
15 nov 2019, 15:54

L'anglo thailandese ottiene il miglior tempo nella prima sessione di prove libere del GP del Brasile con le gomme intermedie e poi sbatte dopo essere passato alle slick a mescola soft. Sulla pista bagnata che è andata asciugandosi si è visto Bottas secondo davanti alle due Ferrari di Vettel e Leclerc. Hamilton non ha girato.

La pioggia ha condizionato la prima sessione di prove libere del GP del Brasile: la pista bagnata, che è andata asciugandosi man mano, non ha impedito ai piloti di girare che hanno deciso di prendere confidenza con Interlagos con le gomme full wet, prima di passare alle intermedie.

Alla fine di un turno che non ha detto molto, visto che il weekend di gara dovrebbe essere asciutto, il più veloce è stato Alex Albon. Con la Red Bull RB15 è arrivato a 1'16"142 dopo aver effettuato delle prove aerodinamiche con delle telecamere per misurare la flessione dei flap dell'ala anteriore. La squadra di Milton Keynes, infatti, ha provato anche un muso con il naso chiuso che si era già  visto in occasione del GP di Monaco. L'anglo thailandese negli ultimi dieci minuti ha deciso di montare le gomme slick seguendo l'esempio di Max Verstappen.

Se l'olandese se l'è cavata con un testacoda nella esse in discesa alla prima curva, è andata peggio al compagno di squadra che ha demolito l'ala anteriore e la sospensione destra contro le barriere della curva 12 prima di iniziare la salita verso il traguardo. Alexander si è trovato ancora con le gomme soft fredde ed è finito largo sull'erba dove la RB15 è scivolata come se fosse sul ghiaccio.

Eloquente il richiamo verbale che gli ha riservato Helmut Marko non appena Albon ha fatto ritorno ai box della Red Bull. Dietro alla RB15 è spuntato Valtteri Bottas con la Mercedes: il finlandese è risultato staccato di mezzo secondo, ma ha ottenuto la sua prestazione con le gomme verdi quando la pista era ancora bagnata.

Le due Ferrari sono terza e quarta con Sebastian Vettel e Charles Leclerc. Sebastian Vettel ha collaudato due diverse versioni di ala posteriore: il tedesco aveva iniziato il turno con quella dotata del profilo principale a cucchiaio, più scarica, per poi passare a quella piatta in grado di generare più downforce. Seb, al 100esimo GP con il Cavallino, non ha cercato rischi con un 1'17"041 davanti a Charles Leclerc che sulla seconda Rossa disponeva del nuovo motore quattro che ha potuto saggiare sui saliscendi brasiliano.

Non hanno tempi Lewis Hamilton e Max Verstappen: i due erano entrati in pista alla fine del turno con le gomme slick, ma il sei volte campione del mondo ha rinunciato a chiudere un giro cronometrato dopo l'esposizione della bandiera rossa che ha interrotto il turno negli ultimi due minuti per il botto di Albon. L'olandese ha capito che la pista non era abbastanza asciutta dopo il testacoda a inizio giro lanciato.

Non hanno chiuso un giro buono anche Romain Grosjean (Haas) e Sergio Perez (Racing Point). Dietro ai top si è messo in evidenza Carlos Sainz quinto con la McLaren davanti alle due Renault di Nico Hulkenberg e Daniel Ricciardo.

La top ten è completata dalle due Toro Rosso di Pierre Gasly e Daniil Kvyat, rispettivamente ottavo e nono e dall'ottimo George Russell decimo con la Williams. Il russo non è riuscito a evitare un testacoda prima della staccata del rettifilo principale, ma è stato bravo con la STR14 a evitare le protezioni. Russell con la FW42 ha dato una dimostrazione del suo talento, rifilando 1"3 a Nicholas Latifi il suo prossimo compagno di squadra nel 2020 che ha ereditato la monoposto di Robert Kubica.

Antonio Giovinazzi è 15esimo con l'Alfa Romeo subito dietro a Kimi Raikkonen: l'italiano si è distinto per essere stato il pilota che ha fatto più strada collezionando 18 giri con la C38.

Cla Pilota Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Thailand Alexander Albon
9 1'16.142 203.729
2 Finland Valtteri Bottas
10 1'16.693 0.551 0.551 202.266
3 Germany Sebastian Vettel
13 1'17.041 0.899 0.348 201.352
4 Monaco Charles Leclerc
13 1'17.285 1.143 0.244 200.716
5 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
16 1'17.786 1.644 0.501 199.424
6 Germany Nicolas Hülkenberg
8 1'17.899 1.757 0.113 199.134
7 Australia Daniel Ricciardo
9 1'17.985 1.843 0.086 198.915
8 France Pierre Gasly
17 1'18.100 1.958 0.115 198.622
9 Russian Federation Daniil Kvyat
16 1'18.274 2.132 0.174 198.180
10 United Kingdom Lando Norris
15 1'18.559 2.417 0.285 197.461
11 United Kingdom George Russell
18 1'18.779 2.637 0.220 196.910
12 Denmark Kevin Magnussen
10 1'19.247 3.105 0.468 195.747
13 Canada Lance Stroll
6 1'19.414 3.272 0.167 195.335
14 Finland Kimi-Matias Räikkönen
12 1'19.532 3.390 0.118 195.046
15 Italy Antonio Maria Giovinazzi
18 1'19.600 3.458 0.068 194.879
16 Canada Nicholas Latifi
16 1'20.010 3.868 0.410 193.880
17 France Romain Grosjean
3
18 Mexico Sergio Pérez Mendoza
1
19 Netherlands Max Verstappen
3
20 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
3

 

Articolo successivo
Fotogallery F1: il casco con 6 stelle di Hamilton a Interlagos

Articolo precedente

Fotogallery F1: il casco con 6 stelle di Hamilton a Interlagos

Articolo successivo

LIVE F1, GP del Brasile: Libere 2

LIVE F1, GP del Brasile: Libere 2
Carica i commenti