Impresa Perez: il licenziato vince il GP di Sakhir regalato da Mercedes

Il messicano al 190esimo GP della carriera conquista la prima vittoria della Racing Point: Sergio, regala a Stroll il primo successo con il pilota che ha licenziato e che rischia di rimanare a piedi nel 2021. Perez sfrutta i clamorosi errori del box Mercedes che hanno penalizzato Bottas (ottavo) e Russell (nono) mentre le W11 stavano dominando con l'inglese. Secondo posto per Ocon con la Renault e podio anche per Stroll che completa la festa del team.

Impresa Perez: il licenziato vince il GP di Sakhir regalato da Mercedes

Ha vinto il GP di Sakhir il pilota licenziato dalla Racing Point! Sergio Perez al 190esimo GP vince una gara rocambolesca: costretto ai box nel primo degli 87 giri del GP per un contatto causato da Charles Leclerc, Sergio ha costruito un successo clamoroso sfruttando gli errori clamorosi del box Mercedes che hanno pesantemente condizionato il risultato delle frecce nere costrette a finire nel gruppo quando stavano dominando la seconda gara in Bahrain sul corto circuito esterno.

Ripartito 18esimo al pit, il messicano di 30 anni ha portato la Mercedes rosa alla vittoria con il compagno Lance Stroll terzo a completare la festa della Racing Point in un weekend indimenticabile per la squadra di Silverstone. Perez è il primo messicano a vincere un GP dal 1970, riallacciando un filo con Pedro Rodriguez con la BRM a SPA. Sergio ha disputato una gara perfetta confermandosi ancora una volta il miglior pilota nella gestione delle gomme.

Perez ha beneficiato dell'harakiri del box Mercedes che al giro 62 ha richiamato ai box il leader della gara George Russell e Valtteri Bottas per un pit stop doppio a causa della safety car causata dall'incidente di Aitken che ha perso l'ala anteriore sbattendo nelle barriere dell'ultima curva.

A Russell per sbaglio è stata montata una gomma di Bottas (la posteriore sinistra) e dopo un giro l'inglesino è stato nuovamente chiamato ai box per riparare all'errore, mentre a Valtteri era stato inizialmente montato un treno di medie, ma mancava il pneumatico dato per sbaglio a George. In piena confusione il muretto di Brackley ha deciso di rimettere al finlandese le gomme hard con cui è andato a concludere la corsa con un inevitabile ritmo calante.

La Stella senza Hamilton ha buttato via una certa doppietta che avrebbe consacrato un perfetto George Russell: l'inglese di 22 anni stava conducendo con il piglio di un veterano, ma è stato vittima dell'oblubinamento del muretto Mercedes che ha commesso l'errore più clamoroso da quando la Casa tedesca è tornata in F1. Russell ha patito anche una foratura lenta che lo ha costretto a un'altra sosta al 78esimo giro, disintegrando le sue aspettative.

A Russell, che è finito sotto osservazione per l'irregolarità alla gomma, rimane la soddisfazione del giro più veloce e due punti iridati che in Williams non era mai riuscito a cogliere. Sakhir eleva due personaggi: Perez raccoglie il massimo risultato mentre rischia di essere messo da parte se non lo chiamerà la Red Bull, Russell comincia a far risplendere la sua Stella. Entrambi hanno tagliato la bandiera a scacchi piangendo: il primo di gioia, il secondo per la frustrazione di aver visto svanire il primo successo per colpa del team. Da questa giornata esce molto ridimensionato Valtteri Bottas che ora è anche il valletto del nuovo compagno di squadra che correrà anche ad Abu Dhabi.

Eccellente il secondo posto di Esteban Ocon con la Renault: il francese dà un senso alla sua stagione non certo brillante. Era in forma a Sakhir ed è stato molto veloce dalla prove libere: ha un merito perché non ha lasciato sfuggire l'occasione che gli si è presentata.

Lance Stroll sul podio non era troppo soddisfatto: si è lamentato di un pit stop lento che lo ha portato lontano dalla possibilità di lottare per la vittoria, ma poi ha subito in pista un perentorio sorpasso da Perez che ha stra-meritato l'affermazione.

Il mastino Carlos Sainz regala il quarto posto alla McLaren davanti a Daniel Ricciardo con la Renault  e Alexander Albon con la Red Bull. Positivo anche Daniil Kvyat settimo al traguardo con l'AlphaTauri: il russo è stato anche terzo con la monoposto di Faenza.

La top ten è stata completata da Lando Norris con la seconda McLaren. E la Ferrari? Non c'è.

La gara di Charles Leclerc, molto atteso dopo il quarto tempo, non è durata un giro: il monegasco ha esagerato nella staccata di curva 4 centrando la Racing Point di Sergio Perez. Nell'urto il ferrarista ha rotto la sospensione anteriore sinistra e si è fermato prima delle barriere, dove, invece, è finito Max Verstappen che era andato largo nel tentativo di evitare dei guai ma è finito nella via di fuga piena di sabbia e senza grip è finito frontalmente contro le barriere. Perez, invece, è riuscito a tornare in pista e cambiare la gomma forata.

Il Sakhir ci regala quindi un podio senza top team (Mercedes, Reb Bull e Ferrari) come non è mai successo nell'era ibrida. La squadra del Cavallino, dopo l'errore di Leclerc troppo aggressivo al via come in Austria, non porta a casa punti con Sebastian Vettel: il tedesco ha chiuso 12esimo. Seb ha pagato un cambio gomme lento (6"5) che è ormai una costante della squadra di Maranello.

Meglio voltare pagina e guardare ad Abu Dhabi...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Racing Point 87 1:31'15.114 202.513 25
2 France Esteban Ocon
Renault 87 1:31'25.632 10.518 10.518 202.124 18
3 Canada Lance Stroll
Racing Point 87 1:31'26.983 11.869 1.351 202.074 15
4 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
McLaren 87 1:31'27.694 12.580 0.711 202.048 12
5 Australia Daniel Ricciardo
Renault 87 1:31'28.444 13.330 0.750 202.021 10
6 Thailand Alexander Albon
Red Bull 87 1:31'28.956 13.842 0.512 202.002 8
7 Russian Federation Daniil Kvyat
AlphaTauri 87 1:31'29.648 14.534 0.692 201.976 6
8 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 87 1:31'30.503 15.389 0.855 201.945 4
9 United Kingdom George Russell
Mercedes 87 1:31'33.670 18.556 3.167 201.829 3
10 United Kingdom Lando Norris
McLaren 87 1:31'34.655 19.541 0.985 201.792 1
11 France Pierre Gasly
AlphaTauri 87 1:31'35.641 20.527 0.986 201.756
12 Germany Sebastian Vettel
Ferrari 87 1:31'37.725 22.611 2.084 201.680
13 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 87 1:31'39.225 24.111 1.500 201.625
14 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 87 1:31'41.267 26.153 2.042 201.550
15 Denmark Kevin Magnussen
Haas 87 1:31'47.484 32.370 6.217 201.322
16 United Kingdom Jack Aitken
Williams 87 1:31'48.788 33.674 1.304 201.275
17 Brazil Pietro Fittipaldi
Haas 87 1:31'51.972 36.858 3.184 201.158
Canada Nicholas Latifi
Williams 52 54'39.646 35 Laps 35 Laps 201.962
Netherlands Max Verstappen
Red Bull 0
Monaco Charles Leclerc
Ferrari 0
condividi
commenti
Verstappen: "Cosa si aspettava Leclerc con quella manovra?"
Articolo precedente

Verstappen: "Cosa si aspettava Leclerc con quella manovra?"

Articolo successivo

Perez incredulo: "Spero che non sia un sogno..."

Perez incredulo: "Spero che non sia un sogno..."
Carica i commenti