F1, Imola, Libere 3: Verstappen fa la differenza, Ferrari in difesa

La Red Bull dell'olandese tiene tutti a distanza di almeno quattro decimi e si candida per la pole position del GP del Made in Italy e dell'Emilia Romagna. Dietro a Verstappen spunta a sorpresa Norris con la McLaren che ha... aperto il motore Mercedes. Lando è davanti alla W12 di Hamilton e alla RB16B di Perez. La Ferrari è quinta con Leclerc e settima con Sainz che si sono un po' coperte. Fra le due Rosse si è infilata l'AlphaTauri di Gasly.

F1, Imola, Libere 3: Verstappen fa la differenza, Ferrari in difesa

Max Verstappen riequilibra i valori nella terza sessione di prove libere del GP del Made in Italy e dell'Emilia Romagna: l'olandese con la Red Bull equipaggiata da gomme soft è l'unico a sfondare il muro dell'1'15" stampando un tempo di 1'14"958. La monoposto di Milton Keynes, per un turno senza problemi, si porta nettamente al comando, prenotando la pole position a Imola alla conclusione di un turno nel quale sono stati cancellati ben 21 tempi perché i piloti hanno esagerato sui cordoli.

Alle spalle della RB16B non ci sono le attese Mercedes, ma la McLaren MCL35 M di Lando Norris: l'inglese è la grande rivelazione della mattinata dopo un giro perfetto, ma la squadra di Woking che ha fatto pretattica ieri, ha spinto la mappatura della power unit della Stella che venerdì era stata tenuta particolarmente sotto tono: con 1'15"414 Lando è arrivato a meno di mezzo secondo dalla Red Bull.

Lewis Hamilton con la W12 è terzo a mezzo secondo: la sensazione è che la freccia nera sia molto competitiva con le gomme medie, ma non riesca a esprimere il potenziale pieno con le rosse. L'epta campione si è difeso, mentre Valtteri Bottas è andato in confusione non andando oltre un ottavo posto che costa quasi un secondo.

Sergio Perez, positivo con le gomme medie, è quarto con la seconda Red Bull: alla conclusione di una sessione "normale", il messicano è a mezzo secondo da Verstappen (ha preso quasi quattro decimi solo nel T3!).

La Ferrari sembra essersi normalizzata con Charles Leclerc quinto: il monegasco non ha voluto strafare come ieri e, probabilmente, si è tenuto un certo margine di motore in vista della qualifica. Sulla SF21 è stato deliberato il fondo nuovo con il taglio a L su entrambe le vetture: Carlos Sainz è settimo a due decimi dal compagno di squadra e fra i due pilot del Cavallino si è infilato Pierre Gasly ottimo sesto con l'AlphaTauri.

La top ten si completa con le due Alpine di Fernando Alonso e Esteban Ocon separati di appena 42 millesimi di secondo.

Yuki Tsunoda è finito spesso nel traffico per cui non si capisce se l'11esimo tempo rappresenti il suo effettivo limite all'Enzo e Dino Ferrari con la AT02: il giapponesino ha preceduto Lance Stroll con l'Aston Martin che si conferma davanti a Sebastian Vettel: il tedesco questa volta è 14esimo con una macchina deludente e ha limitato a due decimi il distacco dal compagno canadese.

Fra le due "verdone" c'è Daniel Ricciardo che continua a soffrire il suo adattamento alla McLaren: l'australiano non trova il passo di Norris, ma gli otto decimi di differenza indicano che c'è qualcosa che non quadra.

Bella la prestazione di Mick Schumacher che si è arrampicato al 16esimo posto con la Haas: il tedesco è finito nel sandwich delle Williams con George Russell 15esimo e Nichola Latifi, 17esimo.

Quest'ultimo, dopo aver portato la sua Williams fino al sesto tempo, ha sbattuto all'esterno della Variante Villeneuve dopo essere finito nella sabbia a causa di un imporvviso sovrasterzo. Il canadese ha danneggiato l'ala anteriore contro le barriere, ma è riuscito a ritornare ai box con i suoi mezzi. La direzione gara, intanto, aveva esposto la bandiera rossa interrompendo la sessione in modo forse troppo tempestivo.

Male le due Alfa Romeo capaci di essere davanti solo alla Haas di Antonio Giovinazzi (autore di un testacoda per fortuna senza danni) e Kimi Raikkonen.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 18 1'14.958 235.764
2 United Kingdom Lando Norris
McLaren 17 1'15.414 0.456 0.456 234.338
3 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 18 1'15.515 0.557 0.101 234.025
4 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 18 1'15.551 0.593 0.036 233.913
5 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 21 1'15.738 0.780 0.187 233.335
6 France Pierre Gasly
AlphaTauri 22 1'15.890 0.932 0.152 232.868
7 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 21 1'15.908 0.950 0.018 232.813
8 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 19 1'15.908 0.950 0.000 232.813
9 Spain Fernando Alonso
Alpine 20 1'16.186 1.228 0.278 231.963
10 France Esteban Ocon
Alpine 20 1'16.228 1.270 0.042 231.836
11 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 20 1'16.230 1.272 0.002 231.829
12 Canada Lance Stroll
Aston Martin 19 1'16.245 1.287 0.015 231.784
13 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 17 1'16.253 1.295 0.008 231.760
14 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 19 1'16.389 1.431 0.136 231.347
15 United Kingdom George Russell
Williams 20 1'16.427 1.469 0.038 231.232
16 Germany Mick Schumacher
Haas 22 1'16.448 1.490 0.021 231.168
17 Canada Nicholas Latifi
Williams 15 1'16.537 1.579 0.089 230.900
18 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 22 1'16.612 1.654 0.075 230.674
19 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 23 1'16.803 1.845 0.191 230.100
20 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 23 1'17.398 2.440 0.595 228.331
condividi
commenti
Red Bull: la RB16B detta le linee di sviluppo sul fondo

Articolo precedente

Red Bull: la RB16B detta le linee di sviluppo sul fondo

Articolo successivo

Alpine delude: problemi di correlazione tra galleria e pista

Alpine delude: problemi di correlazione tra galleria e pista
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP dell'Emilia Romagna
Sotto-evento Libere 3
Location Imola
Team Ferrari Races , Red Bull Racing , Mercedes
Autore Franco Nugnes