F1: il tracciato di Portimao sarà riasfaltato prima del GP

condividi
commenti
F1: il tracciato di Portimao sarà riasfaltato prima del GP
Di:
Tradotto da: Marco Di Marco
1 ago 2020, 11:43

Gli organizzatori del GP del Portogallo hanno deciso di stendere un nuovo manto di asfalto sul tracciato di Portimao e questo elemento potrebbe rappresentare un ulteriore problema per i team.

Il circuito di Portimao, che ad ottobre ospiterà il GP del Portogallo, sarà riasfaltato alla fine dell’estate ed aggiungerà così un ulteriore elemento di sorpresa per i team che già conoscono poco questa pista.

Il tracciato portoghese, infatti, è stato utilizzato dalla F1 per i test invernali del 2008-2009 e da allora le scuderie non sono più tornate ad eccezione della Mercedes che nel 2017 ha girato con una W06 con gomme demo con affidata a Russell e Latifi.

La riasfaltatura rappresenta una ulteriore sfida per la Pirelli che dovrà affrontare 4 circuiti inediti per il calendario della Formula 1. Oltre a Portimao, infatti, l’azienda milanese dovrà preparare le gomme per il Mugello, il Nurburgring ed Imola.

Il race director della F1, Michael Masi, visiterà il circuito di Portimao a metà settembre in tempo per la fine dei lavori.

Mario Isola ha dichiarato che il nuovo asfalto del tracciato potrebbe rivelarsi complicato per la gestione delle gomme: “Tra i circuiti inseriti di recente Portimao è quello più esigente per le gomme. L’asfalto è abrasivo ed è un tracciato complesso sia per gli pneumatici che come layout”.

“La pista verrà completamente riasfaltata e l’obiettivo è quello di avere un manto simile a quello attuale anche se sappiamo che quello nuovo sarà differente”.

“Anche se ancora non è confermato, sceglieremo i tre compound più duri. Inoltre, ma lo scopriremo soltanto quando saremo lì, il nuovo asfalto dovrebbe garantire una aderenza più elevata ed una usura più bassa. Ciò significa che avremo molto calore nel battistrada e questo aspetto dovrà essere gestito dai team nel corso del fine settimana”.

La Pirelli ha recentemente visitato il Mugello con la Ferrari ed Imola con l’AlphaTauri ed ha già una conoscenza dei due circuiti italiani, mentre l’ultima volta che le F1 con gomme Pirelli hanno corso al Nurburgring è stata nel 2013.

“Al Mugello si correrà a metà settembre e porteremo le mescole C1, C2 e C3, mentre Imola è un tracciato che conosciamo con le gare GT ed è di media difficoltà per le gomme. Probabilmente porteremo le C2, C3 e C4”.

“I team avranno poi un altro problema dovuto dal fatto che l’evento di Imola sarà solo di due giorni e quindi il tempo per capire la monoposto sarà limitato. Questo sarà un ulteriore elemento di imprevedibilità che potrà garantire uno spettacolo maggiore, ma causerà qualche mal di testa agli ingeneri”.

“L’ultima volta che siamo andati al Nurburgring è stato nel 2013 ma all’epoca avevamo auto diverse e pneumatici diversi. Secondo i nostri dati è un tracciato non eccessivamente complesso per le gomme e si correrà in un periodo freddo. Forse la C5 sarà una scelta estrema. Probabilmente la scelta ricadrà sulla C2, C3 e C4”.

F1, Gran Bretagna, Libere 3: Mercedes davanti con Bottas

Articolo precedente

F1, Gran Bretagna, Libere 3: Mercedes davanti con Bottas

Articolo successivo

LIVE Formula 1, GP di Gran Bretagna: Qualifiche

LIVE Formula 1, GP di Gran Bretagna: Qualifiche
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Location Algarve International Circuit
Autore Adam Cooper