Motorsport.com's Prime content
Topic

Motorsport.com's Prime content

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti
Prime
Formula 1 Commento

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Di:
, NobleF1

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

La rara possibilità offerta dalla Formula 1 di disputare due gare consecutive su tracciati cittadini come Monaco e Baku non avrebbe potuto fornire un contrasto più netto in termini di dramma. Da un GP di Monte Carlo lineare e privo di incidenti siamo passati ad un GP di Baku dove le emozioni sono state numerose a seguito dei problemi agli pneumatici riscontrati da Stroll e Verstappen.

Ci sono stati anche dei punti in comune tra i due eventi, come l’incapacità della Mercedes di mandare le gomme in temperatura e la forza della Ferrari sul giro singolo, ma a Monaco non c’è stato l’elevato numero di incidenti che abbiamo visto in passato.

condividi
commenti

F1 | Drive to Survive, Sainz deluso dalla puntata sulla Ferrari

Il pilota spagnolo ritiene che nell'episodio della passata stagione sia stato un po' minimizzato quello che la Ferrari rappresenta per la Formula 1 a prescindere dalle difficoltà del 2020. Però ha riconosciuto alla serie di Netflix il merito di aver aperto il Circus ad una platea di spettatori altrimenti difficile da raggiungere.

Yuki Tsunoda: cosa manca al diamante grezzo di AlphaTauri? Prime

Yuki Tsunoda: cosa manca al diamante grezzo di AlphaTauri?

Yuki Tsunoda ha stupito al debutto, andando subito a punti in Bahrain, ma ha poi sottovalutato le difficoltà richieste dalla F1. Oleg Karpov analizza cosa è mancato sino ad ora al diamante grezzo del vivaio Red Bull che da piccolo odiava la Formula 1.

Alfa Romeo: i retroscena della rottura fra Sauber e Andretti

Finn Rausing, proprietario della struttura elvetica, non ha raggiunto un accordo per la cessione della Sauber con Michael Andretti non per questioni economiche, visto che lo svedese voleva garanzie sul futuro non solo della squadra di F1 ma di tutto il Gruppo. E si scopre che Herta ha effettuato un test al simulatore di Hinwil e avrebbe dovuto guidare ad Austin al posto di Raikkonen. Ora si volta pagina e si pensa al secondo pilota per il 2022.

Domenicali stupito che Hamilton non sia il pilota più popolare

Stefano Domenicali ha commentato i risultati del sondaggio lanciato da Motorsport Network e si è detto stupito del fatto che Lewis Hamilton non sia emerso come il pilota più popolare tra i partecipanti.

F1 | Top 5: i cambi di casacca più importanti di sempre

La Formula 1 ha vissuto di storici cambi di scuderia da parte di piloti divenuti leggenda con un team e che, respirando aria nuova, si sono persi per strada o peggio. Anche se in alcuni casi, va detto, la storia è stata riscritta proprio nel passaggio da una scuderia all'altra...

Ferrari: quando i pit stop sono più croce che delizia

Nel GP degli Stati Uniti ha fatto rumore il secondo cambio gomme della Scuderia sulla SF21 di Sainz che può essere costato qualche punto iridato nella lotta per il terzo posto nel mondiale Costruttori, ma a tutti è sfuggito che proprio la Scuderia abbia centrato il tempo migliore, sempre con Carlos, nel primo pit. C'è un po' di pressione sul Cavallino perché nelle ultime tre gare ci sono stati errori ricorrenti da evitare in futuro.

Si è spento Milton Da Silva, il padre di Ayrton Senna

Il padre di Ayrton Senna si è spento nella giornata di mercoledì all'età di 94 anni per cause naturali. La comunicazione è avvenuta tramite i profili social dedicati al tre volte iridato.

Hamilton: l'attivista Lewis passa dalle parole ai fatti

Lewis, debitamente truccato, ha accolto nella sede di Brackleytre bambini che aspirano a diventare ingegneri mostrandogli i segreti della factory della Stella. Si tratta del primo passo della fondazione Mission 44 che ha finanziato con la Mercedes. L'idea è nata nel 2008 per il dolore provato nei test di Barcellona: degli spagnoli si erano dipinti il volto di nero indossando delle magliette con la scritta “Famiglia Hamilton”.

Perez: "Ora ci sono due Red Bull per il Mondiale"
Articolo precedente

Perez: "Ora ci sono due Red Bull per il Mondiale"

Articolo successivo

Wolff: "Dobbiamo tornare a essere competitivi con due vetture"

Wolff: "Dobbiamo tornare a essere competitivi con due vetture"
Carica i commenti