Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
52 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
59 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
73 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
87 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
101 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
108 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
122 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
136 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
143 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
157 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
164 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
178 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
192 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
220 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
227 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
241 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
248 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
262 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
283 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
297 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
311 giorni

I simulatori: nuovi sistemi per vincere il mondiale

condividi
commenti
I simulatori: nuovi sistemi per vincere il mondiale
Di:
4 gen 2020, 09:23

In Formula 1 un buon simulatore conta quanto una buona monoposto. Per poter preparare e sviluppare al meglio la vettura, il lavoro su questi strumenti ha un'importanza vitale: ecco perché nel 2020 saranno diversi i team che ne porteranno a battesimo di nuove generazioni, anche per contenere i costi in vista del budget cap del 2021...

Nel 2020 quasi tutti i team di Formula 1 inaugureranno un nuovo simulatore. Non è una coincidenza temporale, ma una decisione strategica che permette alle squadre di portarsi avanti su fronti che a partire dal 2021 saranno regolamentati dal budget-cap.

Un modo per mettere ‘fieno in cascina’, che porterà la stagione 2020 ad essere (soprattutto per i top-team) la più costosa di sempre.

A Maranello i lavori sul nuovo simulatore sono ancora in corso, mentre ad Hinwil (nel quartier generale della Sauber) le attività sul nuovo sistema sono già concluse.

È però solo il completamente dell’hardware e della piattaforma software di partenza, perché un passaggio cruciale per permettere ad un team di beneficiare dei potenziali vantaggi che può garantire questo sistema è legato alla perfetta correlazione tra ciò che avviene nel sistema virtuale con quanto accade in pista.

La fase di configurazione è decisamente importante e comporta anche dei rischi, perché settaggi errati possono condurre un team fuori strada.

Lo scorso anno non sempre il setup di base preparato a Maranello alla vigilia dei weekend di gara ha trovato riscontro in pista nelle prime prove libere, costringendo poi i tecnici ferraristi in pista a fare agli straordinari nella serata di venerdì.

La Mercedes, al contrario, ha beneficiato molto del lavoro in sede, arrivando a volte in pista con un setup quasi perfetto. Un esempio ‘shock’ della bontà di questo lavoro è arrivato nell’ultimo Gran Premio del 2019, ad Abu Dhabi. Nel primissimo giro del weekend (sessione FP1) Bottas ha ottenuto un crono (1’38”053) che per metà griglia è stato possibile raggiungere solo il sabato.

Un altro esempio dell’importanza del simulatore, questa volta in negativo, è arrivato nello scorso Gran Premio di Singapore, quando un errore commesso nel lavoro di preparazione al weekend ha compromesso la competitività della Red Bull, partita per Marina Bay con la certezza di poter dire la sua per la vittoria.
“Il problema è stato il simulatore – ammise Alexander Albon - siamo stati totalmente ingannati. Il simulatore definisce la base della nostra configurazione per il weekend di gara, e se ti accorgi che non va bene sei nei guai! Abbiamo impostato il nostro telaio in modo troppo rigido, ed è mancata la stabilità, ed in più anche il carico aerodinamico è risultato troppo limitato”.

Gli investimenti sono ingenti, e non solo sui fronti hardware e software. Negli ultimi anni le squadre hanno compreso l’importanza dei piloti impegnati sui simulatori, ed è iniziata la caccia a curriculum di peso per un compito di crescente valore.

I più richiesti sono piloti che hanno esperienza in pista, in grado di saper valutare le reazioni della vettura e la gestione degli pneumatici. Per questo motivo la Mercedes ha confermato sul suo simulatore Stoffel Vandoorne, chiamato ad inizio 2019, imitando la scelta fatta dalla Ferrari di dodici mesi prima con Daniil Kvyat.

Quando il pilota russo è tornato a tempo pieno in Formula 1 a Maranello hanno puntato sul tandem Hartley-Wehrlein, confermando lo specialista Antonio Fuoco, a cui lo scorso è stato anche concesso un test con la SF90 a Barcellona per verificare in pista la correlazione (in termini di sensazioni) con il simulatore.

L’ultima scelta in questa direzione è quella dell’Alfa Romeo, che ha voluto Robert Kubica per iniziare il lavoro sul nuovo simulatore. Anche nel caso del pilota polacco è prevista la presenza in pista (già nel test di Barcellona del prossimo febbraio), ed una corposa presenza nella sede di Hinwil, soprattutto nella prima fase di stagione.

È un confronto, quello nel mondo virtuale, che avviene lontano dai riflettori, nel segreto delle sedi delle squadre. Ma è sempre più un passaggio cruciale per poter ambire a buoni risultati, considerando che nel 2020 dal termine delle prove pre-campionato a Barcellona fino alla bandiera a scacchi di Abu Dhabi alle squadre non sarà permesso un solo chilometro di test in pista.

Articolo successivo
Honda: "Verstappen si comporta come un giovane Senna"

Articolo precedente

Honda: "Verstappen si comporta come un giovane Senna"

Articolo successivo

Seidl: "Anche col budget cap i 3 top team resteranno al vertice"

Seidl: "Anche col budget cap i 3 top team resteranno al vertice"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Roberto Chinchero