Hulkenberg: "Sto parlando per il mio futuro in F1"

Il tedesco molto probabilmente verrà relegato al ruolo di terza pilota con il ritorno di Sergio Perez sulla Racing Point RP20, ma ha preso la palla al balzo per parlare con diversi team manager e tessere dei discorsi su un possibile rientro in F1 l'anno prossimo: "Ci vorranno un paio di settimane per capire come andranno le cose".

Hulkenberg: "Sto parlando per il mio futuro in F1"

Nico Hulkenberg rischia di essere un… fantasma in questa F1. È stato chiamato dalla Racing Point per sostituire Sergio Perez colpito dal Covid in forma asintomatica, ma dopo le qualifiche concluse al 12esimo posto non è partito per il Gran Premio di Gran Bretagna a causa di un problema alla frizione per cui la power unit Mercedes non è stata nemmeno messa in moto.

Il tedesco sperava di rifarsi nel GP del 70° anniversario, ma anche questo appuntamento rischia di andare a buca perché il pilota messicano se risulterà negativo al tampone a cui si è sottoposto, potrà riprendere il suo posto sulla RP20.

L’essersi riprensentato nel paddock di F1 ha permesso a Hulkenberg di parlare con molte persone del Circus e la speranza è di riaprire dei contatti per tornare a guidare stabilmente l’anno prossimo…
"Sono stato in contatto con un po' di persone di F1 e team principal, perché ovviamente ci conosciamo tutti – ha ammesso Nico - alcune erano solo chiacchiere, ma in altre si è parlato del futuro. Non c’è niente di concreto per ora, spero di saperne di più nelle prossime due settimane”.

Hulkenberg ha ammesso che una seconda presenza in questo fine settimana sarebbe utile…
“Certo, conseguendo un buon risultato, potrei trarne una buona pubblicità. Ma penso che i team principal, non guardino solo a un risultato una tantum, soprattutto quando si tratta di una sostituzione come in questa circostanza”.

"Ovviamente, mi piacerebbe fare una grande gara se dovessi andare in macchina per aiutare la squadra a ottenere il massimo risultato. Ma penso che le discussioni sul futuro siano un qualcosa a parte”.

È più concreto il rischio che tu debba restare di nuovo a piedi:
“Sì, ovviamente sarebbe un po' deludente: ho avuto un assaggio della macchina, ma è stato chiaro da subito che il mio è di sostituto temporaneo di Checo, non sapendo se si tratta di una o due gare. Se sta meglio è giusto che torni lui al suo posto”.

Non è stato facile entrare nella RP20 all’ultimo?
“Ogni monoposto è diversa, dalla seduta nell’abitacolo ai rumori che si sentono, in ciascuna si vive un’atmosfera diversa. E mi sono trovato a essere mandato in pista senza alcuna preparazione. Ero arrivato nel paddock 10 minuti prima dell'FP1: ho avuto il tempo di cambiarmi, fare il test di uscita dall’abitacolo e poi sono stato subito mandato in pista per svolgere il programma di lavoro del venerdì”.

Nico ha accusato dei dolori al collo a causa della mancanza di pratica e sarebbe curioso di scoprire l’effettivo potenziale della RP20 che è la macchina più discussa del paddock, ma Sergio Perez non sembra disposto a cedergli il passo…

Nico Hulkenberg, Racing Point
Nico Hulkenberg, Racing Point
1/15

Foto di: LAT Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
2/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20, torna nel garage
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20, torna nel garage
3/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
4/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point sul pitwall con Otmar Szafnauer, Team Principal and CEO, Racing Point
Nico Hulkenberg, Racing Point sul pitwall con Otmar Szafnauer, Team Principal and CEO, Racing Point
5/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20 e Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20 e Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
6/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point
Nico Hulkenberg, Racing Point
7/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
8/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
9/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
10/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
11/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
12/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
13/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20
14/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Racing Point RP20, in pit lane
Nico Hulkenberg, Racing Point RP20, in pit lane
15/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

condividi
commenti
Mercedes al GP 70° Anniversario con un tributo a Stirling Moss
Articolo precedente

Mercedes al GP 70° Anniversario con un tributo a Stirling Moss

Articolo successivo

Verstappen: "Provare il format di 2 giorni a Imola è stupido!"

Verstappen: "Provare il format di 2 giorni a Imola è stupido!"
Carica i commenti