Horner: "Non ci serve un direttore tecnico"

Il team principal Red Bull vuole valorizzare i tecnici di Milton Keynes quando Newey ridurrà il suo impegno

Horner:

Christian Horner, team principal della Red Bull Racing, assicura che la squadra di Milton Keynes non sta cercando un direttore tecnico, visto che Adrian Newey ha il desiderio di essere meno coinvolto nella gestione tecnica del team di Formula 1.

Il genio inglese, infatti, ha raggiunto un accordo pluriennale per rimanere al Red Bull Racing, ma come parte di tale contratto ha voluto che ci fosse un minore coinvolgimento nel team di F.1 per potersi dedicare ad altri progetti speciali (si dice che possa collaborare con la Porsche allo sviluppo della LMP1 tedesca).

Christian Horner ci ha tenuto a sottolineare ad Autosport che Adrian continuerà ad essere lui il direttore tecnico nella struttura del Red Bull racing, negando la necessità di trovare un sostituto in questo ruolo.

"Non abbiamo alcuna intenzione di nominare un nuovo direttore tecnico, visto che non ne abbiamo bisogno -  ha detto Horner - Adrian è ancora molto coinvolto nel dare al team una nuova direzione nel modo di lavorare".

In sostanza c'è la volontà di dare maggiori responsabilità agli uomini di cui Newey si fida ciecamente: "Con Rob Marshall, Dan Fallows e Paul Monaghan, abbiamo un gruppo tecnico molto forte". Horner ha citato nell'ordine il capo progettista, il responsabile dell'aerodinamica (conteso qualche mese fa dalla McLaren) e il coordinatore degli ingegneri, vale a dire le figure che rispondono direttamente ad Adrian e che dall'inglese hanno imparato a realizzare monoposto vincenti.

"Sapevamo che Newey voleva rallentare e ci siamo preparati a questa evenienza, consapevoli che potremo ancora fare affidamento sulle sue idee. Anziché cercare volti all'esterno, valorizziamo le risorse che ci sono nel team".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Sebastian Vettel , Daniel Ricciardo
Articolo di tipo Ultime notizie