Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
28 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
100 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Horner: "Il crash di Albon? Situazione frustrante"

Il team principal della Red Bull analizza gli effetti del brutto incidente di Albon: "Per fortuna Alex sta bene e questa è la cosa principale. Ovviamente ci sono molti danni, la monoscocca sembra a posto così come il motore, mentre il cambio potrà essere sostituito senza penalità perché è quello del venerdì. I danni? Parliamo di tutte le sospensioni, ala anteriore e posteriore, muso, fondo, parecchia roba, insomma”. E forse per il thailandese è la fine di un sogno.

condividi
commenti
Horner: "Il crash di Albon? Situazione frustrante"

Al minuto quarantasei della sessione FP2 le telecamere hanno inquadrato la monoposto di Alexander Albon all’esterno della curva 15. La Red Bull del thailandese ha mostrato chiaramente l’entità dell’impatto contro le barriere, avvenuto a 207 km/h, e dopo aver ricevuto l’okay sulle condizioni del pilota, Christian Horner è sceso dal muretto box entrando nel garage per consultarsi con il responsabile dei meccanici.

Sarà una lunga serata per i tecnici della Red Bull, che dovranno ricostruire da zero la monoposto, ma non andrà meglio ad Albon, che ha commesso l’unico errore non concesso nelle prove libere, soprattutto considerando la situazione in cui si trova oggi il thailandese.

Una sbavatura può portare a muro su un tracciato cittadino, ma in Bahrain vedere una monoposto distrutta contro le barriere non è una scena consueta.
“È frustrante – ha commentato Horner - per fortuna Alex sta bene, e questa è la cosa principale. Ovviamente ci sono molti danni, la monoscocca sembra a posto così come il motore, mentre il cambio potrà essere sostituito senza penalità perché è quello del venerdì. Il lavoro che ci attende è comunque molto. Il costo dei danni? È difficile da quantificare in denaro, ma è sicuramente una cifra significativa, parliamo di tutte le sospensioni, ala anteriore e posteriore, muso, fondo, parecchia roba, insomma”.

Oltre ai danni materiali, l’incidente di oggi non aiuta la posizione di Albon, anche se Horner non fa trasparire nulla su questo fronte:
“Ora deve cercare di cancellare tutto e ripartire. Sia ad Istanbul che oggi, prima dell’incidente, i suoi feedback sono stati coerenti con quelli di Max, e mi spiace davvero che la sua giornata si sia conclusa in questo modo. Ma si spera che domani sia un altro giorno”.

Dopo essere stato dimesso dal centro medico della pista, Albon ha spiegato quanto accaduto alla curva 15:
“Sono stato sorpreso da un’improvvisa mancanza di grip e in quella curva non è semplice riprendere la monoposto. Ho cercato di recuperare il controllo, ma non ci sono riuscito”.

Le immagini della telecamera on-board hanno confermato che Albon ha tenuto il piede sull’acceleratore fino all’ultimo istante nella speranza di recuperare la vettura, e questo ha contribuito alla violenza dell’impatto.

Siamo ai titoli di coda della sua avventura in Red Bull? Il supporto da parte del team non è mai mancato, anche perché la sua dipartita dalla squadra certificherebbe una battuta a vuoto della gestione piloti di Helmut Marko.

Il tempo però sembra essere ormai agli sgoccioli, e il destino di Albon sembra ormai segnato. Per un salvataggio in extremis servirebbe un exploit in piena regola, ma con le premesse viste oggi diventa difficile anche solo provare ad immaginarlo.

L'Ala anteriore rotta di Alexander Albon

L'Ala anteriore rotta di Alexander Albon
1/6

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

La Red Bull Racing RB16 di Alex Albon su un carro attrezzi

La Red Bull Racing RB16 di Alex Albon su un carro attrezzi
2/6

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

I commissari caricano l'auto di Albon Red Bull Racing RB16 su un carro attrezzi

I commissari caricano l'auto di Albon Red Bull Racing RB16 su un carro attrezzi
3/6

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Una ruota danneggiata della Red Bull Racing RB16 di Alex Albon

Una ruota danneggiata della Red Bull Racing RB16 di Alex Albon
4/6

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il danno al posteriore della Red Bull Racing RB16 di Alex Albon

Il danno al posteriore della Red Bull Racing RB16 di Alex Albon
5/6

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Alexander Albon Red Bull Racing RB16 sul carro attrezzi

Alexander Albon Red Bull Racing RB16 sul carro attrezzi
6/6

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Fotogallery F1: le prove libere del GP del Bahrain

Articolo precedente

Fotogallery F1: le prove libere del GP del Bahrain

Articolo successivo

Isola: "Non sono preoccupato per le gomme 2021"

Isola: "Non sono preoccupato per le gomme 2021"
Carica i commenti