Hamilton: "Macché DAS2! Avevo un problema allo sterzo"

Il pilota Mercedes ha chiarito il giallo del Brasile: un video delle prove libere aveva mostrato che Lewis tirava il volante indietro alimentando il sospetto che sulla W12 ci fosse una sorta di DAS2. Hamilton ha smentito, ammettendo di aver avuto un gioco sullo sterzo che non gli piaceva e che ha fatto eliminare.

Hamilton: "Macché DAS2! Avevo un problema allo sterzo"

Ci ha pensato Lewis Hamilton in persona a smontare il caso: l’epta-campione ha chiarito che non esiste alcun “DAS 2”, un sistema segreto che permetterebbe ai piloti Mercedes di regolare l’altezza da terra della W12, pensando che potesse essere il comando dell’abbassatore contestato dalla Red Bull.

La squadra di Milton Keynes sostiene che la Mercedes abbia potuto incrementare la velocità massima in rettilineo grazie a una soluzione che sul dritto permette di “accucciare” il retrotreno, migliorando l’efficienza aerodinamica e, quindi, incrementando le velocità massime.

A far nascere il caso è stato un video che è stato postato sui social che mostrava uno strano movimento dello sterzo da una ripresa della camera car che inquadrava l’abitacolo. Le immagini che si riferivano a un turno di libere, davano la sensazione che Hamilton tirasse indietro il volante mentre si stava avvicinando alla prima curva.

E, subito, erano nate le speculazioni secondo cui la Mercedes avrebbe trasformato il comando che l’anno scorso serviva ad attivare il DAS, il sistema utile a cambiare la convergenza anteriore e che veniva usato solo nei giri di lancio o di ripartenza dalla safety car.

La FIA aveva deciso di bandire questa soluzione per il 2021, in modo da evitare un’escalation dei costi per i team che, eventualmente, avessero voluto copiarlo. Hamilton ci ha tenuto a cancellare ogni dubbio sulla legalità della sua freccia nera...

"Lo sterzo sulla mia W12 non si muove avanti e indietro, ma solo a sinistra e destra. Lo avevamo l’anno scorso, ma non ora. Sabato c’era un po’ di gioco, forse meno di un millimetro, ma era qualcosa che mi dava fastidio per cui l’ho fatto controllare e poi è stato eliminato. Non so cosa si sia visto, quindi…”.

condividi
commenti
F1 | I track limits potrebbero essere un incubo per la FIA in Qatar
Articolo precedente

F1 | I track limits potrebbero essere un incubo per la FIA in Qatar

Articolo successivo

Dalla F310 alla F248: tutte le Ferrari di Schumacher

Dalla F310 alla F248: tutte le Ferrari di Schumacher
Carica i commenti