Hamilton convocato dai commissari per guida pericolosa

Lewis non ha rispettato le bandiere gialle che sono state esposte alle 17:22 ora di Jeddah: l'epta-campione deve presentarsi dai commisari sportivi (c'è l'italiano Vitantonio Liuzzi) un'ora prima dell'inizio delle qualifiche, ma in ballo ci sono anche gli impedimenti molto pericolosi a Gasly e Mazepin. Rischia una penalità di cinque posizioni sulla griglia come è successo a Max Verstappen in Qatar o qualcosa di di più?

Hamilton convocato dai commissari per guida pericolosa

Non l'ha passata liscia Lewis Hamilton. Il sette volte campione del mondo è stato convocato dal collegio dei commissari sportivi per spiegare il suo comportamento tenuto alle 17:22 quando non avrebbe rispettatole doppie bandiere gialle nel corso della terza sessione di prove libere del GP dell'Arabia Saudita e per i bloccaggi di colleghi in almeno un paio di episodi.

Ricordiamo che nello scorso GP del Qatar il rivale per il titolo, Max Verstappen, era stato penalizzato di cinque posizioni in griglia per la stessa infrazione commessa alla conclusione della Q3, quando sul rettilineo d'arrivo c'era l'AlphaTauri di Pierre Gasly ferma.

Lewis dovrà presentarsi a Vitantonio Liuzzi un'ora prima delle qualifiche per spiegare il suo comportamento pericoloso: l'eventuale penalità rischia di compromettere la sua rimanta nella classifica mondiale che lo vede al secondo posto dietro all'olandese di otto punti nella classifica dei piloti.

Del resto il Codice Sportivo Internazionale della FIA, obbliga i piloti a "ridurre significativamente la velocità, non sorpassare ed essere pronti a cambiare direzione o fermarsi" quando vengono agitate le doppie bandiere gialle. Hamilton prima della curva 8 ha superato le due Red Bull e l'AlphaTauri di Yuki Tsunoda mentre era in un giro lanciato e poi ha abortito il suo giro, rallentando dopo essere stato il più veloce nel primo settore.

Lewis ha fatto discutere anche per altri due episodi nelle libere: prima ha bloccato pericolosamente Pierre Gasly lanciato con l'AlphaTauri: il francese ha evitato la Mercedes lenta in mezzo alla traiettoria tirado lungo per la via di fuga alla curva 1 e poi ha chiuso quasi contro il muso Nikita Mazepin con la Haas, mentre il russo era in un suo giro cronometrato.

Nikita è riuscito a passare evitando un crash, ma Hamilton è parso infastidito dal fatto che non fosse stato avvisato dal suo ingegnere di pista e non ci fossero bandiere di segnalazione nelle postazioni dei commissari di percorso.

La pista è molto pericolosa e certi atteggiamenti non sono tollerabili: aspettiamo le decisioni dei commissari. L'importante è che decidano prima delle qualifiche.

condividi
commenti
F1 | Jeddah, Libere 3: Verstappen al top, Mercedes in crisi sulle soft
Articolo precedente

F1 | Jeddah, Libere 3: Verstappen al top, Mercedes in crisi sulle soft

Articolo successivo

F1 | Mercedes: cambio di power unit sull'auto di Bottas

F1 | Mercedes: cambio di power unit sull'auto di Bottas
Carica i commenti