Haas: nuovo bocchettone di rifornimento dopo il rogo

Il team principal bolzanino spiega quali sono stati gli interventi principali sulla VF-21 dopo i chiarimenti della FIA in merito al rogo di Romain Grosjean nel GP di Sakhir: il bocchetto di rifornimento che era esploso nell'impatto con le barriere non è più ancorato al telaio ma al serbatoio ed è poi fissato alla scocca. Anche le protezioni ai lati della testa del pilota sono state cambiate e suddivise in due parti per facilitare l'uscita dei piloti dal cockpit.

Haas: nuovo bocchettone di rifornimento dopo il rogo

La FIA ha comunicato ieri i risultati dell’analisi seguita all’incidente di Romain Grosjean avvenuto nello scorso Gran Premio del Bahrain. Il comunicato della Federazione Internazionale ha descritto nel dettaglio quanto avvenuto sul circuito di Sakhir, indicando anche i punti critici che saranno oggetto di revisioni sul fronte degli standard di sicurezza.

Le aree indicate dalla FIA riguardano la cellula di sopravvivenza, gli specchietti retrovisori, il piantone dello sterzo, il poggiatesta, il serbatoio, il poggiatesta ed il suo bocchettone.

Quest’ultimi due particolari sono già stati oggetti di revisioni da parte del team Haas, che ha anticipato quelle che saranno le decisioni della FIA introducendo due novità sulla monoposto 2021.

La prima è proprio il bocchettone del serbatoio:
“Quello utilizzato lo scorso anno era perfettamente a norma – ha chiarito Gunther Steiner – ma in queste circostanze si impara sempre qualcosa. Quanto è accaduto nell’incidente di Romain non si era mai visto in precedenza, visto che la scocca è stata letteralmente strappata nella zona posteriore, ed abbiamo tratto insegnamento da quanto successo”.

Il nuovo bocchettone della Haas non è infatti più fissato al telaio, motivo per cui nell’incidente di Sakhir si era stato strappato dalla sua sede causando la fuoriuscita di benzina.

Anche il poggiatesta è stato modificato, e non è più costruito come pezzo singolo, ma diviso in due sezioni. Un cambiamento suggerito dalle difficoltà incontrate da Grosjean ad uscire dalla monoposto dopo l’impatto contro le barriere, a causa dello spostamento del poggiatesta.

L’ingombro del dispositivo come pezzo unico ha complicato la manovra d’uscita dalla vettura del pilota francese, motivo per cui si è passati ad una soluzione composta da due parti distinte, con l’obiettivo di facilitare eventuali manovre che dovessero richiedere lo spostamento del dispositivo.

condividi
commenti
Ghini: "La F1 come il kamasutra, si parla di penetrazione"
Articolo precedente

Ghini: "La F1 come il kamasutra, si parla di penetrazione"

Articolo successivo

Ocon è pronto ad affrontare il duello interno con Alonso?

Ocon è pronto ad affrontare il duello interno con Alonso?
Carica i commenti