Pat Fry: "Siamo piuttosto fiduciosi per domani"

Il direttore tecnico della Ferrari analizza il disastro di oggi, ma guarda alla gar di domani

Pat Fry:
Alla Ferrari si vedono solo volti lunghi: la Rossa avrebbe dovuto lottare per la pole stando alle previsioni della vigilia si Silverstone e, invece, per come sono andate le cose è stato un miracolo vedere Fernando Alonso al decino posto, ultimo dei piloti della Q3. La Rossa ha fatto un clamoroso passo indietro... Fernando Alonso: “Questo weekend per noi è stato complicato da problematiche di cui non siamo riusciti a venire a capo e che hanno interessato diversi aspetti, quali il bilanciamento della vettura, la guidabilità e la prestazione. Fino ad ora possiamo considerarlo il peggior sabato della stagione, non eravamo mai finiti in questa posizione, ma adesso dobbiamo reagire subito e cercare di tornare nella stessa forma di inizio anno. Sicuramente qui ci aspettavamo molto di più, perché questo è un circuito che meglio di altri si adatta alle caratteristiche delle nostre vetture. In Q3 abbiamo avuto qualche esitazione sulla scelta delle gomme: siamo usciti con le Hard perché con quella mescola ci eravamo trovati bene sia nelle libere di questa mattina che in Q1. Poi abbiamo montato le Medium con l’idea di rientrare ai box se non fosse andata bene. Abbiamo comunque deciso di finire il giro ma i nostri avversari sono stati più veloci. Ora dobbiamo cercare di fare altrettanto, a cominciare da domani: anche se la gara si annuncia in salita sappiamo bene come durante una corsa le cose possano cambiare. Speriamo di fare una bella rimonta e di tornare a casa con più punti possibili”. Felipe Massa: “Oggi è stata una giornata estremante difficile, non avevamo la macchina che ci aspettavamo ed è mancata del tutto l’aderenza con le gomme nuove. Rispetto ad altre vetture abbiamo sofferto nel mettere insieme un buon giro. Sicuramente il tempo perso ieri a causa della mia uscita di pista e l’interruzione di questa mattina per la sostituzione del motore mi hanno fatto perdere chilometri preziosi e in qualifica mi sono mancati quei decimi necessari per passare in Q3. Adesso pensiamo a domani, la gara è tutta un’altra storia e mi auguro che con il pieno di benzina e temperature più elevate le cose possano cambiare a nostro favore. Con una macchina più competitiva sono certo di poter effettuare dei bei sorpassi e lottare per un buon risultato”. Pat Fry: “Oggi il sole tanto atteso non ha contribuito ad innalzare le temperature quanto speravamo, soprattutto per quel che ha riguardato la pista. L’asfalto, rimasto piuttosto freddo, già nell’ultima sessione di prove libere disputata al mattino aveva provocato problemi di aderenza e l’uscita di pista di numerosi piloti. Le cose sono lievemente migliorate nel turno di qualifiche, ma non abbastanza da compensare l’assenza di grip. Considerando le posizioni di partenza è chiaro che le nostre vetture hanno sofferto più di altre, malgrado i distacchi estremamente ravvicinati con il gruppo che ha preceduto Fernando. Nel tentativo di migliorare il bilanciamento della vettura abbiamo testato diverse soluzioni allo scopo di migliorarne la guidabilità, sia sulle curve veloci sia su quelle lente, tenendo sempre in considerazione tutti quelli che saranno i fattori chiave della gara di domani. Per la corsa siamo fiduciosi e contiamo sulle prestazioni viste sulla lunga distanza, comunque incoraggianti. I primi giri saranno importanti per cercare di recuperare posizioni, così come la scelta della strategia dovrà agevolare quanto più possibile il lavoro dei piloti nel tentativo di rimonta sui nostri diretti avversari”.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio di Gran Bretagna
Circuito Silverstone
Piloti Fernando Alonso , Felipe Massa
Articolo di tipo Ultime notizie