Alonso voleva anche Symonds oltre ad Allison?

Alonso voleva anche Symonds oltre ad Allison?

La Ferrari avrebbe risposto picche alla candidatura avanzata da Fernando per ragioni di opportunità

Finalmente la Ferrari gli ha detto di no. Fernando Alonso voleva anche Pat Symonds a Maranello? Evidentemente non gli bastava solo James Allison, il direttore tecnico della Lotus che ha lasciato la squadra di Enstone per tornare a Maranello dove era già stato nel ruolo di aerodinamico. Lo spagnolo è un eccellente pilota, ma non è certo l'uomo più adatto a definire le strategie della squadra di Maranello: questo è un ruolo che spetta al presidente, Luca di Montezemolo e al team principal, Stefano Domenicali. SYMONDS E MASS DAMPER Il campione asturiano ha vinto due titoli mondiali piloti nel 2005 e 2006 con una geniale soluzione di Pat Symonds, il famigerato mass damper e voleva iniziare l'era del motore turbo con un team tecnico che fosse in grado di rivaleggiare con Adrian Newey e l'equipe che il genio inglese si è costruito alla Red Bull Racing. PAT VA ALLA WILLIAMS Pat Symonds, invece, si è visto chiudere la porta in faccia da Maranello e ha accettato l'incarico da direttore tecnico della Williams. A Grove, del resto, non si fanno troppi problemi a riciclare i reprobi della Formula 1: fuori Mike Coughlan, l'inglese era uno degli attori principali della spy-story che aveva colpito la Ferrari nel 2007, quando ci fu il trafugamento di centinaia di file sulle soluzioni delle Rosse, e dentro Pat Symonds, che è stato allontanato per due anni dal Circus per essere stato uno degli autori del cosiddetto "crash-gate" nel 2008. COINVOLTO NEL CRASH-GATE L'inglese, insieme a Flavio Briatore, aveva organizzato a tavolino l'incidente di Piquet jr al Gp di Singapore per fer entrare in pista la safety car e permettere a Fernando Alonso di vincere il Gp, come poi avvenne puntualmente. RAGIONI DI OPPOTUNITA' La Ferrari deve aver risposto picche a Symonds per ragioni di opportunità, dopo essere da sempre la paladina della legalità nei Gp: potete immaginare cosa sarebbe successo se fosse stata annunciata l'assunzione di un tecnico certamente molto capace e preparato, ma anche molto chiacchierato per questo episodio molto controverso. ALLISON NON BASTA La squadra del Cavallino finora ha cercato di assecondare i desirata del campione soagnolo, plasmando un team di lavoro che ruota intorno a Fernando (lo stesso tester per il simulatore Pedro de la Rosa è stato "spinto" dall'iberico che odia andare sul "ragno"), ma questa volta ha messo un argine alle ambizioni del pilota, puntando ad un graduale rafforzamento degli organici con l'innesto di James Allison che è un colpo da novanta...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Fernando Alonso
Articolo di tipo Ultime notizie