McLaren: la sospensione resta a "tapparella"

condividi
commenti
McLaren: la sospensione resta a
Di: Giorgio Piola
08 mag 2014, 11:59

Sulla MP4-29 il retrotreno è vincolato ai bracci "butterfly" per non perdere il carico posteriore

McLaren: la sospensione resta a
La McLaren deve cercare un'inversione di tendenza a Barcellona: dopo il positivo debutto 2014 che ha fruttato un inatteso secondo posto di Kevin Magnuessen a Melbourne, la squadra di Woking ha avuto una involuzione nelle prestazioni. Il direttore tecnico, Tim Goss, nei test in Bahrein aveva provato una sospensione posteriore senza la "tapparella", ma il progetto della monoposto è stato pensato intorno a questa soluzione, per cui sono stati più i problemi emersi che i benefici. In Spagna, infatti, le "butterfly", come le chiamano gli inglesi, sono state confermate, altrimenti si genererebbe una grave perdita di carico posteriore. La "tapparella", infatti, funziona come prolungamento del diffusore posteriore: per recuperare il carico che si perderebbe senza i bracci sagomati, sarebbe indispensabile avere un estrattore posteriore più efficace che per ora non c'è. Gli aerodinamici, infatti, sarebbero impegnati a sviluppare il muso a tricheco stile Lotus che si vedrà più avanti.
Articolo successivo
Lotus: resta l'opzione dei due musi diversi

Articolo precedente

Lotus: resta l'opzione dei due musi diversi

Articolo successivo

Iniziativa in ricordo di Maria de Villota

Iniziativa in ricordo di Maria de Villota
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Kevin Magnussen , Jenson Button Acquista adesso
Autore Giorgio Piola
Tipo di articolo Ultime notizie