Tost: "Non c'era bisogno dello scambio di posizioni"

Il team principal Toro Rosso spiega perché era stato dato un ordine a Verstappen che Max non ha rispettato

Tost: "Non c'era bisogno dello scambio di posizioni"
Max Verstappen, Scuderia Toro Rosso STR10
Carlos Sainz Jr., Scuderia Toro Rosso STR10
Carlos Sainz Jr., Scuderia Toro Rosso STR10
Max Verstappen, Scuderia Toro Rosso STR10

È il più giovane del Circus con i suoi 17 anni, ma Max Verstappen ha già sviluppato un bel caratterino. Alla fine della gara il muretto dei box della Toro Rosso ha chiesto all'olandese di cedere il passo al compagno di squadra, Carlos Sainz, ma il ragazzino ha rifiutato in modo secco e perentorio, mantenendo l'ottavo posto conquistato in pista. L'episodio rischia di rovinare i rapporti già tesi fra i due giovani talenti, per cui ci pensa il team principal, Franz Tost a calmare le acque spiegando la situazione...

"A fine gara pensavamo che Carlos potesse raggiungere Max più in fretta perché poteva disporre di gomme Supersoft nuove, mentre Max nell'ultimo pit aveva montato delle Supersoft utilizzate. La strategia ci aveva indicato che Carlos avrebbe avuto più possibilità di attaccare Perez che precedeva Verstappen. In realtà Carlos ha impiegato più tempo ad arrivare in coda a Max per cui alal fine non c'era più motivo per scambiare le loro posizioni".

condividi
commenti
Raikkonen: "Ho avuto gli stessi problemi di ieri"

Articolo precedente

Raikkonen: "Ho avuto gli stessi problemi di ieri"

Articolo successivo

La Lotus ha confermato Pastor Maldonado per il 2016

La Lotus ha confermato Pastor Maldonado per il 2016
Carica i commenti