La Red Bull assotiglia il mono pilone dell'ala

condividi
commenti
La Red Bull assotiglia il mono pilone dell'ala
Giorgio Piola
Di: Giorgio Piola
06 lug 2014, 11:37

Sulla RB10 si cerca l'efficienza aerodinamica anche miniaturizzando il comando del DRS

La Red Bull Racing si lamenta della potenza della power unit Renault ma cerca anche una maggiore efficienza aerodinamica sulla RB10, una monoposto che è stata pensata da Adrian Newey alla ricerca del massimo carico, seguendo una filosofia della Casa che è stata vincente per anni, ma inadeguata ai nuovi regolamenti che finora hanno premiato la Mercedes W05 Hybrid.

A Silverstone si è rivisto lo scarico sfociare fra il doppio monkey seat (non c'è ancora il parziale sfruttamento del soffiaggio dei gas di scarico come sulle frecce d'argento) e un supporto dell'ala mono pilone decisamente più rastremato per rendere ancora più efficace il funzionamento dell'ala posteriore. Del lavoro di pulitura ha beneficiato anche il comando del DRS che ora è stato decisamente miniaturizzato.

Nell'immagine Effe 1 Tech possiamo apprezzare anche il vistoso soffiaggio verticale al bordo di entrata delle paratie laterali dell'ala posteriore.

Prossimo articolo Formula 1