GP San Paolo: Hamilton compie il miracolo e batte Verstappen

Lewis coglie la 101esima vittoria nel GP di San Paolo con un'impresa che rimarrà scolpita nella storia: l'inglese in due giorni ha recuperato 25 posizioni, battendo il leader del mondiale Verstappen che si è difeso strenuamente. Hamilton riduce a 14 punti il distacco dall'olandese. Bottas completa il podio davanti a Perez che ha firmato il giro veloce. Ottima la gara delle Ferrari con Leclerc quarto davanti a Sainz: le Rosse uniche non doppiate.

GP San Paolo: Hamilton compie il miracolo e batte Verstappen

Volevamo la sfida fra i due grandi del mondiale e l'abbiamo avuta: bellissima, ricca di tensione e con una battaglia emozionante di attacchi e difese durissime. Un faccia a faccia che ha premiato Lewis Hamilton.

Un epta-campione immenso che esce vittorioso in un weekend storico che lo ha visto scattare ultimo al via della Sprint Qualifying dopo l'esclusione per l'ala posteriore irregolare, ed è partito decimo sulla griglia del GP di San Paolo, pagando cinque posizioni per la sostituzione del motore. Un handicap di 25 posizioni che è stato azzerato al giro 20.

Poi è stata sfida diretta con Hamilton che si è messo in caccia di Verstappen restando a lungo nella scia della Red Bull col rischio di surriscaldare le gomme. L'inglese non è stato aiutato dalla strategia dei pit stop (il box Mercedes ha copiato e coperto le chiamate Red Bull, mentre il pilota aveva invocato di passare alle gomme medie) e ha dovuto costruire il sorpasso in pista con un'azione fantastica al giro 58, dopo che dieci tornate prima l'olandese ha accompagnato all'esterno di curva 4 la W12 con un'azione ruvida, ma ritenuta regolare dalla direzione gara.

Max ha cercato di difendersi anche sbisciolando in rettilineo, meritandosi una bandiera bianco-nera di richiamo. Verstappen non ne aveva più e dopo il sorpasso si è messo in difesa del secondo posto, ma la sberla è stata bella forte, perché la Red Bull aveva programmato anche un successo in Brasile che, invece, non è arrivato.

Il sorpasso di Hamilton è stato preparato alla curva 1 e poi l'azione chirurgica all'esterno della Red Bull entrerà nella cineteca della storia della F1: semplicemente fantastico. Va detto che la Mercedes con le gomme hard ha confermato una superiorità tecnica che si era già vista in precedenza.

Hamilton accorcia il distacco da Verstappen a 14 punti e dispone di un motore fresco per affrontare le ultime tre tappe di un mondiale che resta apertissimo e appassionante. Lewis ha infuocato la torcida brasiliana con la sua impresa, ma Verstappen è stato lucido nel raccogliere il massimo che poteva portare a casa. Sergio Perez, quarto, è stato chiamato ai box per cercare il giro più veloce all'ultima tornata e il messicano ha tolto in extremis il punto addizionale proprio a Hamilton con un 1'11"010.

La Red Bull esce sconfitta da una gara nella quale era data per favorita perché anche Bottas ha dato il suo contributo nella sfida per il mondiale Costruttori. Alle spalle dei quattro grandi si è rivista una bella Ferrari, unica squadra a non subire il doppiaggio da Mercedes e Red Bull. Charles Leclerc con il quarto posto cancella un sabato incerto e si trascina in scia Carlos Sainz. La squadra del Cavallino firma un 18 a 1 contro la McLaren e mette una seria ipoteca al ruolo di terza forza.

Pierre Gasly è settimo con l'AlphaTauri davanti alle due Alpine di Esteban Ocon e Fernando Alonso, protagonisti di un'altra battaglia bellissima per il quinto posto. E' mancato Yuki Tsunoda che si è meritato anche una penalità di 5 secondi per aver rifilato una ruotata a Lance Stroll, poi costretto al ritiro con il fondo semi demolito.

Fuori dai punti Sebastrian Vettel, 11esimo con l'Aston Martin davanti a Kimi Raikkonen che chiude un po' mestamente la sua avventura in F1 con l'Alfa Romeo. Il resto è corollario, perché la battaglia per il titolo è più aperta che mai...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 71 1:32'22.851 25
2 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 71 1:32'33.347 10.496 10.496 18
3 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 71 1:32'36.427 13.576 3.080 15
4 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 71 1:33'02.791 39.940 26.364 13
5 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 71 1:33'12.368 49.517 9.577 10
6 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 71 1:33'14.671 51.820 2.303 8
7 France Pierre Gasly
AlphaTauri 70 1 lap 6
8 France Esteban Ocon
Alpine 70 1 lap 4
9 Spain Fernando Alonso
Alpine 70 1 lap 2
10 United Kingdom Lando Norris
McLaren 70 1 lap 1
11 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 70 1 lap
12 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 70 1 lap
13 United Kingdom George Russell
Williams 70 1 lap
14 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 70 1 lap
15 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 70 1 lap
16 Canada Nicholas Latifi
Williams 70 1 lap
17 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 69 2 laps
18 Germany Mick Schumacher
Haas 69 2 laps
Australia Daniel Ricciardo
McLaren 49
Canada Lance Stroll
Aston Martin 47

 

condividi
commenti
Mercedes: alla scoperta dei segreti della Race Support Room
Articolo precedente

Mercedes: alla scoperta dei segreti della Race Support Room

Articolo successivo

Hamilton: "Il weekend più difficile della mia carriera"

Hamilton: "Il weekend più difficile della mia carriera"
Carica i commenti