Rosberg pole a Monaco e poi va lungo: è polemica!

Rosberg pole a Monaco e poi va lungo: è polemica!

Hamilton è secondo a 59 millesimi. Seguono Ricciardo e Vettel, con Alonso davanti a Raikkonen

Nico Rosberg ha conquistato la sesta pole position della sua carriera nel Gp di Monaco, bissando quella dello scorso anno nel Principato. Il tedesco ha centrato la prestazione nel primo tentativo, mentre nel secondo è finito lungo alla staccata del Mirabeau, tanto da infilarsi nella via di fuga che ha costretto i commissari ad esporre la bandiera gialla che non ha permesso agli altri conduttori di attaccare la sua pole ottenuta in 1'15"989. Il tedesco è stato l'unico ad andare sotto al muro dell'1'16", lasciando il compagno di squadra Lewis Hamilton a 59 millesimi di secondo. Un'inezia che potrebbe valere il Gp e la testa del mondiale. L'inglese, infatti, non è andato a congratularsi con Nico, mostrando di non aver gradito quanto è accaduto nel finale della Q3: qualcuno ha anche pensato che Nico Rosberg abbia fatto apposta per "congelare" i tempi come aveva fatto Michael Schumacher nel 2006 sbattendo alla Rascasse. La Mercedes, comunque, ha confermato nel momento decisivo di avere ancora un margine tecnico da giocare: Daniel Ricciardo è terzo, ma l'australiano della Red Bull Racing è staccato quasi di quattro decimi della freccia d'argento di testa con il tempo di 1'16"384. Ricciardo si è confermato ancora una volta davanti a Sebastian Vettel, che comincia a patire il compagno di squadra. La RB10 si è confermata la monoposto con il miglior telaio, ma non è bastato per balzare davanti. La terza fila è occupata delle due Ferrari con Fernando Alonso, quinto, staccato di sette decimi dalla Mercedes: sono troppi per una pista che è la più corta del mondiale. La Rossa ha mostrato qualche miglioramento, visto che si è avvicinata alla RB10 del quattro volte campione del mondo. Poco convinvcente la prestazione di Kimi Raikkonen anche se il finlandese si è portato vicino allo spagnolo: "Iceman" non ha fatto meglio di 1'17"389 che costa un distacco di 1"4 da Rosberg! Eccellente Jean-Eric Vergne settimo con la Toro Rosso: mai una monoposto del team faentino era partita così avanti nel Principato. Il francese, sotto pressione perché si parla molto di Carlos Sainz jr, ha mostrato di saper trarre fuori il meglio. Vergne ha fatto meglio del debuttante Daniil Kvyat: il russo è nono, ed è stato molto bravo a sapere reagire ad una toccata in Q1 alla staccata della chicane del Porto. E' rientrato ai box con l'ala rotta ed è tornato in pista come se niente fosse, qualificandosi per il turno successivo. L'onore della McLaren è stato salvato da Kevin Magnussen: il danese non poteva fare meglio dell'ottava piazza con una MP4-29 che è sempre più deludente, visto che Jenson Button non ha passato la Q2. Nella top ten è entrato anche Sergio Perez con la Force India, facendo meglio del più quotato Nico Hulkenberg. Felipe Massa con la Williams ha dovuto rinunciare alla Q2 dopo aver subito il contatto di Marcus Ericsson con la Caterham: lo svedese lo ha urtato arrivando lungo alla staccata del Mirabeau, sebbene il brasiliano gli avesse lasciato lo spazio per entrare. Sotto inchiesta anche Esteban Gutierrez (Sauber) per aver chiuso Sergio Perez (Force India) in Q1 e Pastor Maldonado (Lotus) per aver bloccato Daniil Kvyat (Toro Rosso)
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Lewis Hamilton , Nico Rosberg , Daniel Ricciardo
Articolo di tipo Ultime notizie