La Mercedes nelle libere era un laboratorio di sensori

La Mercedes nelle libere era un laboratorio di sensori

Sulla F1 W03 sono stati montati i rastrelli per raccogliere i dati sulle nuove gomme Pirelli

Quando si dice una macchina piena di sensori. La Mercedes non ha niente da dire in questa appendice di mondiale che si sta concludendo e sta concentrando il suo lavoro alla semina per il 2013. Ross Brawn ha chiesto alla squadra di fare un passo indietro buttando a mare gli scarichi soffianti con l'effetto Coanda, ha fatto una pubblica ammissione nell'ammettere che il Doppio DRS è stato una grande delusione e ha dato ordine a Bob Bell e Aldo Costa di imbastire il futuro. La F1 W03 che si è vista ieri nelle prove libere sembrava una monoposto al debutto nei test invernali, quando è necessario imbottire la macchina di sensori per raccogliere utili dati per la verifica in galleria del vento. La Pirelli per la prima volta ha portato in pista un treno di gomme che prefigurano le coperture del prossimo anno (erano facilmente riconoscibili dalla spalla colorata di rosso) e la Mercedes ha cercato di trarre il massimo delle informazioni dal test in pista. Nico Rosberg, infatti, aveva i "rastrelli" montati a sbalzo del diffusore posteriore, ma c'erano dei rilavatori di dati anche fra i due profili dell'ala posteriore e all'esterno delle paratie laterali: insomma la freccia d'argento si è trasformata in una vera e propria vettura laboratorio. Soddisfatti i tecnici di Brackley per la qualità delle informazioni che sono state raccolte...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Nico Rosberg
Articolo di tipo Ultime notizie