Alonso: "Ci giocheremo tutto alla partenza"

Per lo spagnolo la McLaren si è avvicinata alla Red Bull, ma domani conta la strategia con le gomme

Alonso:
Quarto e quinto posto sulla griglia di partenza del Gran Premio del Giappone per le due 150° Italia della Scuderia Ferrari, rispettivamente con Felipe Massa e Fernando Alonso: questo il verdetto delle qualifiche che hanno visto i primi cinque piloti racchiusi in poco più di quattro decimi. I due ferraristi hanno seguito un programma identico durante lo svolgimento della sessione: un tentativo ciascuno con le Medium in Q1, uno ciascuno con le Soft in Q2 e due, entrambi con le Soft in Q3. Stefano Domenicali: “Prima di parlare della nostra prestazione odierna, credo sia opportuna una riflessione più generale. Ancora una volta in questa stagione abbiamo visto delle macchine – ben quattro in Q3 – rinunciare a fare un giro cronometrato. Lungi da me criticare chi ha fatto questa scelta, che è assolutamente rispettabile dal punto di vista tecnico, credo che ci sia qualcosa che non funziona nella modalità di svolgimento della qualifica e dovremmo pensarci bene per il futuro perché non penso che sia una cosa buona per gli spettatori che sono in tribuna – a proposito, qui c’è un pubblico straordinario, che ti fa sentire tantissimo la sua passione per la Formula 1 – sia per quelli che seguono la sessione davanti alla televisione. Passando al commento del nostro risultato, devo dire che è più o meno in linea con le aspettative. Sappiamo quale sia la nostra attuale situazione tecnica e dobbiamo cercare di approfittare di ogni opportunità per lottare per un piazzamento sul podio. Lo faremo con il consueto impegno, che deve sempre contraddistinguerci”. Fernando Alonso: “Non sono molto sorpreso da questo risultato: in fondo McLaren e Red Bull sono sempre state più veloci di noi tutto il fine settimana e, almeno, siamo entrambi riusciti a piazzarci davanti a Webber. Ho fatto l’abbonamento al quinto posto quest’anno e, almeno, partirò dal lato pulito della pista. Domani mi aspetto una gara caratterizzata da un degrado importante degli pneumatici quindi, con la possibilità di avere numerosi pit-stop, la strategia giocherà un ruolo importantissimo. Speriamo di non avere gli stessi problemi avuti due settimane fa a Singapore. Cercheremo di fare le scelte migliori e di lottare per il podio, il nostro realistico obiettivo. La vittoria è certamente più lontana: come si è visto dalle qualifiche qui la McLaren sembra essere molto vicina alla Red Bull. Anche la partenza sarà un momento significativo: sia io che Felipe proveremo a mettere pressione sui nostri avversari più vicini e poi, se dovessimo guadagnare delle posizioni, proveremo a giocarci le nostre carte. Il mio primo tentativo in Q3? Stavo spingendo al massimo ma, dopo aver guardato l’analisi dei tempi, non credo che avrei potuto fare molto meglio del mio secondo tentativo”. Felipe Massa: “E’ stata una qualifica difficile ma, almeno, siamo riusciti a metterci alle spalle una delle quattro macchine migliori. Qui non è mai semplice fare il giro perfetto e il mio ultimo tentativo è stato molto buono, anche se ho perso qualcosa nell’ultimo settore. Domani sarà importante fare una buona partenza. Ci sarà Hamilton accanto a me in griglia? Per me non fa alcuna differenza che ci sia lui o chiunque altro. La corsa si preannuncia complicata, con tante soste per cambiare gli pneumatici che qui hanno un degrado molto importante cosicché la strategia sarà fondamentale. Sarà cruciale trovare il passo giusto, in modo da essere veloci ma, nello stesso tempo, salvaguardare le gomme. I sorpassi non saranno facili, nonostante KERS e DRS: forse conterà di più l’usura degli pneumatici visto che si entra sul rettilineo principale uscendo da una chicane molto lenta. Il nostro obiettivo è il podio: partiamo dalla posizione immediatamente successiva ed è realistico sperare di raggiungerlo”. Pat Fry: “Tutto sommato, è il risultato che ci potevamo aspettare. Sapevamo che, riuscendo a mettere insieme il miglior pacchetto possibile e spremendone fuori il massimo potevamo pensare di ridurre il distacco dalla pole position rispetto alle ultime gare: così è stato, anche se ciò non cambia certo i rapporti di forze in campo. Felipe ha fatto una bella qualifica, soprattutto in Q3: speriamo davvero che ora possa avere una gara per una volta normale, dopo tutti i problemi che gli sono capitati in quest’ultimo periodo. Domani sarà una gara molto impegnativa, soprattutto per gli pneumatici che, tradizionalmente su questo circuito, sono messi a dura prova. Diventerà quindi cruciale scegliere la strategia migliore, azzeccare il momento giusto per il cambio gomme e, soprattutto, non commettere errori. Abbiamo il dovere di lottare fino all’ultimo per gli obiettivi che sono rimasti in questo campionato e non lasceremo nulla d’intentato. Nello stesso tempo, dobbiamo usare queste giornate in pista che ci mancano fino alla fine della stagione per apprendere quante più cose possibili che possano esserci utili per il prossimo anno”.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Fernando Alonso , Felipe Massa
Articolo di tipo Ultime notizie