Red Bull: un sensore sul muso per raccogliere dei dati

condividi
commenti
Red Bull: un sensore sul muso per raccogliere dei dati
Di: Giorgio Piola
10 apr 2015, 07:24

Sulla RB11 è stato montato un sensore segno che anche la macchina non è a posto

La Red Bull Racing è in difficoltà: Daniel Ricciardo e Daniil Kvyat pagano due secondi dalle Mercedes. In Cina è emerso in modo palese che non c'è solo un problema legato alla potenza della power unit Renault, ma stanno venendo a galla delle carenze della macchina che non è più seguita a tempo pieno da Adrian Newey. La squadra di Milton Keynes è tornata ai dischi anteriori Brembo, dopo che in Malesia ha patito un grave surriscaldamento con quelli della Carbon Industrie, ma non sembra aver trovato la competitività. Sulla punta del muso è stato montato nella prima sessione di prove libere un raccoglitore di dati in carbonio utile a verificare il comportamento dell'ala, segno che ci sono dei dubbi sullo sviluppo della macchina. E per il momento non si è ancora visto l'atteso muso nuovo "corto"...

Prossimo articolo Formula 1
McLaren-Honda: nuova pinna alla presa dei freni

Previous article

McLaren-Honda: nuova pinna alla presa dei freni

Next article

Caso benzine: era la Ferrari il team tenuto d'occhio

Caso benzine: era la Ferrari il team tenuto d'occhio

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Daniel Ricciardo , Daniil Kvyat
Autore Giorgio Piola
Tipo di articolo Ultime notizie