La Ferrari con la nuova sospensione posteriore vola!

La Ferrari con la nuova sospensione posteriore vola!

Sulla 150° Italia di Alonso si è visto un importante pacchetto di novità tecniche

La Ferrari 150° Italia è un laboratorio di soluzioni nuove: la sferzata che Pat Fry ha dato all'Ufficio Tecnico dopo che è stato incaricato di prendere in mano le redini dello sviluppo a seguito del siluramento di Aldo Costa, comincia a mostrare i suoi frutti. Sulla Rossa, infatti, si sono viste diversi cambiamenti che hanno riguardato diverse soluzioni inedite. La più appariscente è stata la sospensione posteriore nuova che riprende un concetto già visto di recente sulla Mercedes. Nella fotografia si può notare come l'attacco del braccio superiore sporga in modo evidente dal cerchio: è stato rifatto il portamozzo per avere un ancoraggio più in alto e maggiormente spostato verso il centro della monoposto, in modo da accorciare la leva e abbassare il centro di rollio della sospensione. Questa soluzione dovrebbe incrementare le doti di trazione della 150° Italia (che già non sono male) preservando ancora di più la durata delle gomme Pirelli. Nell'intenso venerdì di lavoro per i tecnici di Maranello, si è vista anche una nuova ala posteriore caratterizzata dall'assenza del pilone centrale di sostegno e da un bordo di entrata del profilo principale inusualmente grande. Per verificare la qualità del lavoro svolto in galleria del vento da Nick Tombazis sono state usate le vernici coloranti verdi che permettono di visualizzare in che modo i flussi aerodinamici si orientano realmente quando la monoposto è in azione in pista. La Ferrari, inoltre ha portato delle modifiche al diffusore posteriore in modo da sfruttare meglio l'azione degli scarichi soffianti anche in fase di rilascio e presenta un diverso andamento della curvatura del fondo ai lati delle pance. I tecnici hanno effettuato un approfondito lavoro di ricerca micro-aerodinamica per dividere i flussi che arrivano dai deviatori posti all'esterno delle bocche dei radiatori e che in parte vengono incanalati verso il diffusore posteriore e in parte all'esterno della ruota posteriore, in modo da ridurre gli effetti di bloccaggio che l'enorme gomme determina. Rivista anche l'ala anteriore in funzione del minore carico necessario a Montreal rispetto a Montecarlo, mentre inedito è il nuovo disco dei freni lamellare che ha dato buoni frutti nelle libere di ieri

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Fernando Alonso
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag metano