Bahrein, Libere 3: Vettel a 69 millesimi da Hamilton!

condividi
commenti
Bahrein, Libere 3: Vettel a 69 millesimi da Hamilton!
Di: Franco Nugnes
18 apr 2015, 15:16

Il tedesco scavalca Rosberg che è avvicinato anche da Raikkonen. Seguono le due Williams

Lewis Hamilton riprende il controllo delle operazione del Gp del Bahrein nella terza sessione di prove libere: l'inglese con la Mercedes è arrivato a 1'34"599, un tempo di otto decimi migliore rispetto a quello dello scorso anno con le gomme soft, anche se sul tracciato di Sakhir soffia un forte vento che porta molta sabbia sul tracciato.

La sopresa è Sebastian Vettel secondo ad appena 69 millesimi di secondo dalla W06 Hybrid del campione del mondo: la SF15-T si rivela competitiva non solo nella simulazione di gara, ma anche nel giro secco. La Ferrari, priva di grandi modifiche tecniche, sta rivelando un potenziale inaspettato che ha colpito gli stessi uomini del Cavallino.

Nico Rosberg è terzo con la seconda Mercedes con il tempo di 1'34"968 a tre decimi dal leader della classifica assoluta: il tedesco non riesce a reagire alla superiorità dell'inglese che si sta impossessando dei gradi di capitano. E Nico deve stare attento perché anche Kimi Raikkonen non è lontano: il finlandese è ad un paio di decimi dalla freccia d'argento con 1'35"141.

Le due Williams sono relegate alla teorica terza fila con Valtteri Bottas che è tornato a stare davanti a Felipe Massa, ma le due FW37 sono più staccate e non sembrano in grado di inserirsi nella lotta per il vertice.

Poi c'è uno strappo che mostra Pastor Maldonado a 1"7 con la Lotus: il venezuelano può ambire al settimo posto anche in classifica visto che precede Daniel Ricciardo che, con la Red Bull Racing, deve tenere d'occhio non solo il motore, ma anche i freni. La squadra di Milton Keynes non riesce a far progredire una macchina che non è più seguita a tempo pieno da Adrian Newey, e si vede!

Il compagno dell'australiano, Daniil Kvyat ha causato una bandiera rossa (data in ritardo) per un testacoda con la RB11 a metà turno: il russo ha perso il controllo della monoposto ed è finito in retro nella sabbia da dove non è riusciuto a ripartire, costringendo la direzione gara a sospendere le prove per togliere la Red Bull Racing rimasta in posizione pericolosa. I meccanici hanno fatto in tempo a ripulire la monoposto dalla ghiaia e Daniil in un giro secco è arrivato al 12esimo posto.

La top ten è stata completata da Nico Hulkenberg con una Force India in leggera ripresa davanti a Felipe Nasr con la migliore Sauber e a Jenson Button che è finalmente riuscito a compiere i primi giri con la  McLaren-Honda, dopo i guai di ieri.

L'inglese ha portato la MP4-30 a 1"8 dalla vetta, rivelando una crescita della power unit giapponese. Più in difficoltà Fernando Alonso che ha avuto un problema con un sensore dello sterzo: lo spagnolo ha beccato quasi mezzo secondo dal collega scivolando al 16esimo posto.

In difficoltà anche la Toro Rosso con i freni: Max Verstappen è 14esimo dietro a Marcus Ericsson (Sauber), mentre Carlos Sainz è 17esimo davanti a Romain Grosjean in crisi con la seconda Lotus E23 Hybrid.

Chiudono la lista le due Manor con Will Stevens costantemente davanti a Roberto Merhi: la serie B della Formula 1 gira a 5"1. E la macchina nuova non si vedrà prima di fine agosto. Auguri...

Prossimo articolo Formula 1
Ferrari: sostituito il portamozzo destro di Vettel

Previous article

Ferrari: sostituito il portamozzo destro di Vettel

Next article

Renault: la nuova testata di Illien al banco in maggio

Renault: la nuova testata di Illien al banco in maggio