Red Bull: come si raffredda il radiatore del cambio

Red Bull: come si raffredda il radiatore del cambio

La lunga canalizzazione in carbonio pesca l'aria sotto al roll-bar e la porta alla massa radiante

La Red Bull Racing in Baherin va in cerca dell'affidabilità che è mancata in Cina dove sia Daniel Ricciardo, sia Daniil Kvyat hanno dovuto sostituire una power unit Renault: il raffreddamento è uno dei temi fondamentali per garantire la durata dei sofisticati motori V6 Turbo. Nell'immagine Effe 1 Tech è possibile notare con chiarezza il condotto in carbonio che porta l'aria dalla presa aperta sotto al roll-bar e che alimenta il flusso necessario a raffreddare il radiatore olio del cambio che è sempre montato sopra alla turbina. Nel tondo con la freccia, invece, si può osservare la canalizzazione montata e si nota il secondo tubo che porta aria nella parte superiore del radiatore: la portata, infatti, è stata aumentata dopo i primi due Gp. 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Daniel Ricciardo , Daniil Kvyat
Articolo di tipo Ultime notizie