Bahrein, Libere 1: Raikkonen e Vettel sono davanti

Bahrein, Libere 1: Raikkonen e Vettel sono davanti

Le Ferrari davanti a Bottas. Le Mercedes non cercano i tempi ma lavorano per la gara

Turno inutile quello della prima sessione di prove libere del Gp del Bahrein: la prima sessione si è svolta con il caldo (36 gradi di aria e 53 di asfalto) in condizioni molto diverse da quelle in cui si effettueranno le qualifiche e la gara, visto che si correrà in notturna.

La Ferrari ha messo davanti i due piloti con Kimi Raikkonen che ha preceduto Sebastian Vettel con il tempo di 1'37"827, lasciando il compagno di squadra ad un paio di decimi. La prestazione del finlandese è peggiore a quella dello scorso anno di un paio di decimi. I piloti del Cavallino sono scesi in pista con il secondo 6 cilindri turbo sostituito prima del previsto, ma il tedesco è stato costretto a rimanere a lungo nei box per un sensore di allarme che ha consigliato i tecnici a fare tutte le  verifiche. Niente di grave, tanto che anche il tedesco è tornato sull'asfalto simulando con successo una partenza prima di effettuare uno stint con gomme nuove.

Vi diciamo subito che la Mercedes non ha cercato le prestazioni, ma nella fase più calda del turno si è dedicata a un lavoro finalizzato all'analisi del consumo delle gomme medie infilando una ventina di giri sia con Lewis Hamilton che con Nico Rosberg. I due piloti della W06 Hybrid risultano solo 15esimo e 16esimo staccati dalle Rosse di un secondo e mezzo. Le frecce d'argento non hanno nemmeno usato l'ala mobile, sovvertendo la solita metodologia di lavoro del venerdì. Nico Rosberg ha totalizzato 23 giri, risultando con Valtteri Bottas quello che ha coperto la maggiore distanza, mentre il campione del mondo ha di nuovo lamentato il surriscaldamento del sedile.

Al terzo posto si è inserito proprio il finlandese della Williams distanziato dalle di mezzo secondo dalle Rosse: Valtteri ha mostrato dei problemi in staccata, bloccando spesso le ruote anteriori. Bottas ha preceduto Carlos Sainz e Max Verstappen che con la Toro Rosso hanno messo in mezzo Daniel Ricciardo con la Red Bull Racing. Il trio viaggia a sei decimi dalla testa.

Un'altra sorpresa della giornata è il settimo posto di Fernando Alonso con la McLaren-Honda: lo spagnolo è arrivato a 1'38"598, prendendo solo 771 millesimi dalla vettura di vertice, segno che la MP4-30 sta crescendo.

Le cose, però, non sono andate bene per Jenson Button che è rimasto fermo già nel corso del secondo giro con un problema al retrotreno della McLaren-Honda che si è bloccato, provocando un innocuo testacoda del pilota inglese che, però, è rimasto fermo sulla pista. Sessione sprecata per il britannico per la prima volta visibilmente infastidito per lo stop anticipato. Sulla MP4-30 di Jenson, fra le altre cose, è stato sostituito il pacco delle batterie dell'ERS.

Positivo l'ottavo tempo di Felipe Nasr con la Sauber in 1'38"628, con Daniil Kvyat (Red Bull Racing), Felipe Massa (Williams), Sergio Perez (Force India) e Pastor Maldonado (Lotus) raggruppati in appena in due decimi a meno di un secondo da Kimi. Da segnalare il 14esimo tempo di Palmer con la seconda E23 Hybrid: il campione di GP2 ha preso l'abitacolo lasciato libero di nuovo da Romain Grosjean che festeggia il 29esima compleanno stando a piedi...

Will Stevens con la Manor ha preceduto il compagno di squadra Roberto Merhi: i due fanno parte di un altro mondo visto che sono staccati di 5 secondi, mentre Marcus Ericsson (Sauber) che li precede ha sommato un distacco solo di 1"7 dalla testa. Il secondo turno sarà in programma alle 17 e darà indicazioni più credibili per il week end...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie