F1, GP Austria, Libere 3: Mercedes e poi spunta Verstappen

condividi
commenti
F1, GP Austria, Libere 3: Mercedes e poi spunta Verstappen
Di:
4 lug 2020, 11:22

Scontata la supremazia delle due Mercedes nella terza session e di prove libere del GP d'Austria. Hamilton sente Bottas vicino, ma è Verstappen con la Red Bull che si è molto avvicinata. Quarto Perez. Delude la Ferrari

Due Mercedes come previsto, poi il risveglio della Red Bull di Max Verstappen dopo aver pasticciato ieri. E anche Sergio Perez è davanti alla Ferrari di Charles Leclerc. La terza sessione di prove libere del GP d'Austria comincia a dipanare le sue verità, facendo scivolare la SF1000 a essere solo quarta forza in questo tribolato avvio di mondiale 2020.

Lewis Hamilton con 1'04"130 è stato il più veloce con la Mercedes dotata di gomme Soft. La pista austriaca (con 23 gradi di aria e 43 gradi di asfalto) non è parsa particolarmente veloce, dato che la freccia nera è risultata un decimo e mezzo più lenta della terza sessione dello scorso anno. Comunque sia le W11 hanno monopolizzato le prime due posizioni con Valtteri Bottas staccato di appena 147 millesimi dall'esa-campione del mondo, segno che la partita della pole si giocherà sui dettagli.

La squadra di Brackley è uscita rafforzata anche dal giudizio FIA che ha bocciato nella notte il reclamo della Red Bull sul DAS. La questione ora è chiusa. Dietro alle Mercedes è spuntato Max Verstappen con la Red Bull. L'olandese in ombra ieri (aveva rotto l'ala nuova, per cui Albon si è visto togliere il suo esemplare perché Max avesse una scorta...) ha portato la RB16 dove ci si aspettava: l'arancione ha limitato il distacco da Bottas a un solo decimo, rivelando che la monoposto di Adrian Newey, pur essendo ancora acerba, è parsa piuttosto competitiva.

Albon con una macchina meno evoluta (non aveva nemmeno il fondo nuovo) è solo sesto con tre decimi di distacco dal suo capitano. E così al quarto posto si è arrampicato Sergio Perez con la Racing Point RP20: il messicano ha bene impressionato con un 1'04"605 a 475 millesimi dalla pole e rischia di essere un gran rompiscatole per le Ferrari.

La Rossa è quinta con Charles Leclerc che si riprende la leadership all'interno della squadra e con Sebastian Vettel settimo. Pesanti i distacchi: il monegasco ha pagato oltre mezzo secondo e il tedesco è addirittura a sette decimi. Tanta roba, se si considera che l'anno scorso Leclerc con la SF90 era risultata la più veloce in FP3, girando in 1'03"987, vale a dire quasi sei decimi meglio della SF1000 che è proprio una macchina sbagliata!

Lance Stroll è ottavo con la seconda Racing Point, mostrando i suoi limiti nel confronto con Perez, ma è riuscito a precedere Pierre Gasly in risalita con l'AlphaTauri al nono posto. Al francese sono bastati 2 millesimi per tenere dietro Lando Norris con la McLaren.

Non sono entrate nella top 10 le Renault, ma la notizia è che Esteban Ocon si è messo davanti a Daniel Ricciardo.

Prima della mezz'ora c'è stata una bandiera rossa per il crash di Nicolas Latifi che ha perso la Williams in uscita dalla curva 1: il canadese in accelerazione ha sbattuto con l'anteriore contro le barriere, strappando il muso mentre piroettava. La vettura non dovrebbe aver subito danni tali da impedire al pilota debuttante di partecipare alle qualifiche del pomeriggio. Bene George Russell che si è arrampicato al 16esimo posto rilanciando le sorti del team di Grove.

Non bene Carlos Sainz solo 13esimo con la McLaren, in difficoltà Daniil Kvyat con la seconda AT01 e male le due squadre clienti Ferrari, Haas e Alfa Romeo. Antonio Giovinazzi si conferma davanti a Kimi Raikkonen, ma che magra consolazione: dietro c'è solo Nicolas Latifi...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 21 1'04.130 242.395
2 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 22 1'04.277 0.147 0.147 241.840
3 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 20 1'04.413 0.283 0.136 241.330
4 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Racing Point 19 1'04.605 0.475 0.192 240.612
5 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 19 1'04.703 0.573 0.098 240.248
6 Thailand Alexander Albon
Red Bull 22 1'04.725 0.595 0.022 240.166
7 Germany Sebastian Vettel
Ferrari 20 1'04.851 0.721 0.126 239.700
8 Canada Lance Stroll
Racing Point 18 1'04.918 0.788 0.067 239.452
9 France Pierre Gasly
AlphaTauri 19 1'04.949 0.819 0.031 239.338
10 United Kingdom Lando Norris
McLaren 22 1'04.950 0.820 0.001 239.334
11 France Esteban Ocon
Renault 11 1'05.037 0.907 0.087 239.014
12 Australia Daniel Ricciardo
Renault 13 1'05.088 0.958 0.051 238.827
13 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
McLaren 24 1'05.177 1.047 0.089 238.501
14 Russian Federation Daniil Kvyat
AlphaTauri 24 1'05.290 1.160 0.113 238.088
15 France Romain Grosjean
Haas 18 1'05.363 1.233 0.073 237.822
16 United Kingdom George Russell
Williams 21 1'05.565 1.435 0.202 237.089
17 Denmark Kevin Magnussen
Haas 18 1'05.648 1.518 0.083 236.790
18 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 16 1'05.654 1.524 0.006 236.768
19 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 19 1'05.773 1.643 0.119 236.340
20 Canada Nicholas Latifi
Williams 6 1'07.049 2.919 1.276 231.842
LIVE F1, GP d'Austria: Libere 3

Articolo precedente

LIVE F1, GP d'Austria: Libere 3

Articolo successivo

Todt: "La crisi opportunità per Mugello e Imola di essere in F1"

Todt: "La crisi opportunità per Mugello e Imola di essere in F1"
Carica i commenti