Ricciardo: l'irregolarità è colpa del flussometro?

Ricciardo: l'irregolarità è colpa del flussometro?

La Red Bull Racing ha sostituito il pezzo della Gill Sensor in parco chiuso già dopo le qualifiche

Sta nascendo un giallo intorno alla Red Bull Racing di Daniel Ricciardo: la squadra di Milton Keynes, infatti, aveva chiesto ai commissari tecnici della FIA di sostituire il fuel flow meter in parco chiuso dopo la qualifica perché era emerso un consumo anomalo anche al sabato. Ovviamente gli uomini diretti da Jo Bauer avevano dato il loro assenso alla sostituzione. Il pilota australiano adesso rischia l'esclusione dalla corsa dopo il brillante secondo posto perché proprio i commissari tecnici della Federazione Internazionale hanno rilevato un anomalo consumo di carburante sulla Red Bull RB10 che ha ecceduto ripetutamente i 100 kg/h di carburante concessi dal regolamento. Adesso è da vedere se c'è stata un'anomalia nel sistema del flussometro prodotto dalla Gill Sensors, la contestata società inglese dell'Hampshire, che ha avuto l'ok della Federazione Internazionale per fornire a tutti i team l'Ultrasonic Fuel Flow Meter, o se, invece, la responsabilità è da ascrivere alla Red Bull Racing: prepariamoci all'esplosione del primo bubbone. Del resto erano stati numerosi i team a lamentarsi della difficile messa a punto del sistema che dava tarature molto diverse al solo variare del tipo di benzina...
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Daniel Ricciardo
Articolo di tipo Ultime notizie